Quante panchine traballano in Serie A?

La risposta più immediata è 3. La dodicesima giornata di Serie A potrebbe ribaltare quella di Torino e Sassuolo, qualora le due squadre non dovessero fare risultato rispettivamente contro Brescia e Bologna. Mazzarri viene dalla sconfitta di misura contro la Juventus mentre il De Zerbi dal pareggio con il Lecce. Due risultati che presi individualmente non sono negativi ma completano una striscia di non vittorie ormai troppo lunga. Il fatto è che anche Brescia e Bologna sono a caccia di punti dopo le ultime uscite non propriamente fortunate; inoltre le rondinelle vedranno anche il debutto del proprio mister Fabio Grosso, e raramente alla prima gara gli allenatori toppano.

La terza panchina a cigolare è quella del Napoli e non si tratta, non solo, di risultati che arrivano a fatica; l’ultima sconfitta con la Roma decimata è l’esempio lampante. Certamente l’avvio di stagione dei partenopei non è dei migliori ma ad aggravare la situazione si aggiunge la diserzione dal ritiro imposto da De Laurentiis dopo la gara di Champions League contro il Salisburgo. La responsabilità dell’accaduto è ricaduta su Ancelotti, incolpato, tra le righe, di non aver saputo tenere il polso dello spogliatoio. Se contro il Genoa dovesse arrivare una sconfitta, ecco che la situazione, già tesa, potrebbe precipitare in fretta. Il Genoa, oltretutto dovrà riscattare la sconfitta in rimonta subita dall’Udinese, momentaneamente ancora affidato a Gotti, domenica scorsa.

Tra le altre gare di giornata, attese da continuità in campionato ma da riscatto per le delusioni europee Lazio, Inter e Roma. I biancocelesti attendono il Lecce in una gara che potrebbe riservare più spettacolo di quanto si pensi come anche Parma-Roma nel posticipo delle 18. Più insidiosa, invece, la gara dell’Inter; il Verona ha dimostrato di essere difficilissima da affrontare, Milan e Juventus possono confermare.

Queste ultime due si sfideranno nel sunday night di Serie A in una gara dal pronostico che il Milan è chiamato a sconvolgere nonostante sia improbabile. Nel pomeriggio infine occhi puntati su Cagliari-Fiorentina per capire fino a che punto possono arrivare i sardi e le reali ambizioni viola. Sampdoria-Atalanta e Udinese-Spal potrebbero, invece, riservare risultati inaspettati, in particolare la sfida di Marassi.

Stasera al Mapei Sadium Sassuolo-Bologna inaugura il turno, attenzione che la prima (delle 3 panchine) potrebbe saltare già nella notte.

(Immagine in evidenza: Facebook Torino Football Club)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento