MotoGP, Nera in buca! Marquez vince l’ottavo titolo mondiale

In Thailandia Marc Marquez batte le Yamaha e conquista vittoria della gara e titolo mondiale. A 26 anni sono già 8 titoli e la leggenda continua.

Marquez non spreca il primo match point del campionato, nonostante il weekend sia partito nel peggiore dei modi con una brutta caduta in FP1. Neanche la scivolata in qualifica che gli è costata la terza posizione in griglia e la velocità delle Yamaha sono bastate a rinviargli la festa in Giappone. In gara Marquez non si accontenta di conquistare matematicamente il titolo dal secondo gradino del podio, ma attende e studia da vicino per tutto il tempo il predestinato Fabio Quartararo fino a sferrare l’attacco vincente all’ultimo giro. Primo posto e titolo conquistato.

Quartararo è disperato al traguardo, perché come a Misano ha condotto la gara e assaporato la vittoria fino a pochi km dalla bandiera a scacchi. Sarà solo questione di tempo e quando maturerà avremo un altro fenomeno a contendere il titolo al Marziano.

Dalla terza posizione di Vinales in poi gara abbastanza noiosa con pochi acuti e pochi sorpassi. Lo spagnolo del team ufficiale Yamaha tiene un buon ritmo fin dall’inizio ma non sufficiente a rimanere attaccato ai primi 2 ed è costretto ad accontentarsi del terzo posto. Dietro di lui soffre invece di passo Dovizioso che chiude a 11 secondi dalla vetta: prestazione troppo brutta per il pilota che avrebbe dovuto arrivare davanti a Marquez per prolungare di almeno qualche settimana il mondiale.

Sottotono anche la Suzuki di Alex Rins, quinto davanti alla Yamaha di Franco Morbidelli e al compagno di squadra Joan Mir. Ancora in difficoltà Valentino Rossi, che incassa dal compagno di squadra e dal ventenne francese quasi 20 secondi. Non va meglio a Danilo Petrucci che continua il periodo di crisi iniziato con il rinnovo del contratto. Chiude la Top Ten Takaaki Nakagami, che precede un buon Francesco Bagnaia.

Caduti Kallio e Aleix Espargaro. Da segnalare il 14° posto di Jack Miller, raggiunto con una buona rimonta dopo che è stato costretto a partire dai box a causa dello spegnimento del motore in griglia di partenza.

Mondiale quindi finito come da pronostico. Troppo poco lo sforzo dei rivali per contendere il titolo a un campione che se non vince finisce sempre secondo a pochi millesimi dalla vittoria. Ottavo meritatissimo e ora obiettivo fissato al numero di titoli di Valentino Rossi.

Race Classification

Le parole dei protagonisti

Marc Marquez: “Mi sento felice, avevo programmato il weekend per vincere la gara. Non mi importava il vantaggio su Dovi e la vittoria del Mondiale. Fabio ha fatto una grande gara, è scappato via all’inizio ma ho gestito bene le gomme e il ritmo. Ora mi godo questo titolo, devo ringraziare tutti coloro che hanno permesso di realizzare questa impresa. Adesso vado a festeggiare con il team. Non sono molto bravo a giocare, ma è andata bene perché ho imbucato subito la prima. Vincere 15 Mondiali come le palline del biliardo (e come i titoli del recordman Giacomo Agostini)? Non penso, è molto difficile. Adesso mi voglio godere l’ottavo, dietro a questa vittoria c’è un lavoro incredibile da parte del team. Volevo vincere questa gara, è stata difficile perché Quartararo ha fatto una grande gara. E’ un avversario pericoloso già adesso e lo sarà anche in futuro”. 

Fabio Quartararo: “Sono però molto felice, vado molto fiero del mio lavoro e di quello del team. Onestamente ho nulla da rimproverarmi: ho lottato fino all’ultima curva con Marc Marquez, se non ci avessi provato non sarei andato a casa soddisfatto. Sono certo che la vittoria arriverà presto”.

Maverick Vinales: “Ho avuto poco ritmo in avvio, poi è andata meglio con il grip e l’aderenza e ho iniziato a girare bene. È stata una gara utile per raccogliere dati: qui noi tre siamo stati di un altro livello ed è una cosa positiva su cui lavorare”.

Sources: motogp.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento