MotoGP, Marquez re di Aragona, secondo Dovizioso

Ad Aragon gara in solitaria per il leader del mondiale che saluta tutti al primo giro per non farsi più vedere dagli avversari e dalle telecamere fino al traguardo.

Nella gara degli umani bella bagarre per aggiudicarsi i restanti gradini del podio tra Dovizioso, Vinales e Miller. Incredibile rimonta del forlivese che rimedia ad una qualifica disastrosa scattando dalla decima posizione e risalendo senza fretta fino al gruppo degli inseguitori di Marquez. Sfruttando il motore Ducati alla fine è lui ad avere la meglio su Vinales e Miller chiudendo in seconda posizione, davanti all’australiano del team Pramac e allo spagnolo, primo delle Yamaha.

Forse a causa delle basse temperature soffrono più del previsto le altre Yamaha, con il rookie Fabio Quartararo che termina quinto a 9 secondi da Marquez e Valentino Rossi addirittura ottavo a +23 secondi.

Fantastica settima posizione per l’Aprilia di Aleix Espargaro, appena dietro a Cal Crutchlow. Chiudono la top ten Rins, nono dopo aver causato la caduta di Morbidelli e aver condotto una gara nervosa, e Nakagami. Fuori dai 10 due italiani con prestazioni opposte: ottimo Andrea Iannone 11° e pessimo Danilo Petrucci 12°. Nel baratro Jorge Lorenzo.

Mondiale ormai chiuso, ma importante rinascita di Ducati dopo la preoccupante prestazione di Misano. Yamaha invece torna a casa dalla Spagna ridimensionata.

Race Classification

Le parole dei protagonisti

Marc Marquez: “Ero molto convinto della mia strategia e già uscendo dai box mi sentivo molto bene. Ho spinto sin dall’inizio, poi ho tenuto il vantaggio su Viñales che mi è sembrato molto veloce e ho ricominciato ad andar forte. Sembra sempre facile ma c’è dietro tanto lavoro dal venerdì. È stato bello vincere qui davanti ai fan. Dovizioso non si arrende mai, bravo lui”.

Andrea Dovizioso: “Sono felicissimo di questo podio, all’inizio ero molto determinato e mi sono sentito da subito pronto a spingere. Sono riuscito ad essere molto veloce senza distruggere le gomme, avevamo bisogno di questo risultato soprattutto partendo dalle decima posizione. Siamo secondi perché siamo quelli più vicini a Marquez, è una soddisfazione anche se l’obiettivo era combattere con lui. Ad Aragon è difficile recuperare, nonostante non abbia fatto una gran partenza mi sentivo calmo e pronto. Non ho bruciato la gomma posteriore e gli altri hanno dovuto lasciarmi andare. Il podio? Era alla nostra portata ma basta un piccolo errore in qualifica e parti al decimo posto, in MotoGP vanno tutti forte: la difficoltà è iniziare davanti per non compromettere la gara”.

Jack Miller: “Ho cercato di tenere il passo, abbiamo fatto tanti tentativi nel week end e lavorato sul ritmo di gara. Sono felicissimo. Ho cercato di tenermi costante, anche se verso la fine ho avuto difficoltà con le gomme nelle curve lunghe. Ho mantenuto il sangue freddo, bello concludere la parte europea in questo modo”.

Sources: motogp.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento