MotoGP, in Austria Dovizioso piega Marquez: “la mia vittoria più bella”

Al Red Bull Ring vittoria stupenda di Dovizioso che piega Marquez all’ultima curva dopo un fantastico duello, chiude il podio Quartararo.

Andrea Dovizioso ha vinto uno spettacolare GP d’Austria superando all’ultima curva Marc Marquez, dopo una bagarre senza esclusione di colpi con il campione del mondo durata dal primo all’ultimo giro. Il forlivese, scattato molto bene al via dalla prima fila, al sesto giro ha superato Quartararo, seguito subito da Marquez, con cui ha ingaggiato un emozionante duello terminato solo sotto la bandiera a scacchi. L’ultimo giro è sembrato un dejavu del 2017 con protagonisti invertiti ma stesso risultato, motivo per cui questo sorpasso acquisisce ancora più valore.

Ancora una volta sul podio Fabio Quartararo che è riuscito a guidare magistralmente la sua Yamaha ma ha pagato la differenza di potenza di motore con Honda e Ducati. La casa di Iwata può ritenersi soddisfatta anche del quarto posto di Valentino Rossi dopo essere partito dalla decima posizione; un po’ più deluso Maverick Vinales (5°).

Dietro il gruppone Yamaha è arrivata la Suzuki di Alex Rins, che ha sopravanzato la Ducati di un’inaspettato Pecco Bagnaia, 7° e contento dei progressi fatti durante l’estate. Caduto invece il suo compagno di squadra Jack Miller mentre si trovava in piena lotta per il podio.

Chiudono la top ten Miguel Oliveira, nella pista di casa KTM, un opaco Danilo Petrucci e Franco Morbidelli. Caduti Rabat, Miller, Syharin, P.Espargaro e Crutchlow.

Per battere il fenomeno spagnolo in questo stato di forma ci voleva una pazzia, oltre che ad una gara precisa e senza errori. DesmoDovi ce l’ha fatta, rispondendo in pista alle solite inutili critiche e dimostrando che non ha intenzione di lasciare morire così presto il campionato. Ora i punti di distacco sono 58, appuntamento a Silverstone.

Race Classification

Le parole dei protagonisti

Andre Dovizioso: “Oggi sono davvero molto contento, perché questa vittoria era davvero importante per me. Verso fine gara avevo un buon grip a destra e questo mi ha consentito di tentare con successo quel sorpasso incredibile all’ultima curva. La mia strategia per la gara è stata quella di essere aggressivo fin dal primo giro, ma Marquez è stato più aggressivo di me. Lui ha provato da subito ad imporre il suo ritmo ma io gli ho sempre risposto e verso la fine credo che avesse le gomme più consumate delle mie per cui sono riuscito a restargli attaccato fino alla fine e ho tentato con successo quel sorpasso un po’ pazzo all’ultima curva. Ha pagato il lavoro nelle prove e la gestione in gara. Sono molto contento: è la mia vittoria più bella. Voglio ringraziare la Ducati e la mia squadra perché oggi abbiamo fatto tutto in modo perfetto.”

Marc Marquez: “Oggi abbiamo commesso un grosso errore nella scelta della gomma posteriore, tutte le gomme soft avevano un’aderenza migliore. C’ho provato perché sono io e devo provarci, ho sbagliato all’ultima curva ma il posteriore mi scivolava tanto, Dovizoso comunque ha fatto un lavoro incredibile ma siamo in testa con 58 punti di vantaggio e dobbiamo continuare su questa strada”.

Fabio Quartararo: “Quando siamo arrivati qui l’obiettivo non era una posizione in particolare, ma vedere come eravamo messi tra le Yamaha; finire primi tra le Yamaha in questo circuito, che è difficile e molto tecnico, mi rende orgoglioso del team che ha fatto un grande lavoro e anche di me. Io davanti a Rossi e Vinales? Sì, è stata un sogno questa gara. Questo è il podio più importante tra tutti e tre”.

Sources: MotoGP.com, Ducati Mediahouse.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento