F1, Lewis Hamilton conquista Shanghai

Lewis Hamilton riconquista la testa della classifica dominando al 1000esimo Grand Prix del Campionato del Mondo di F1, portando in parata la sua Freccia Argento assieme a quella del suo compagno di squadra Bottas.

Ieri mattina Valtteri Bottas aveva conquistato la sua prima Pole Position della stagione, scavalcando Lewis per 0.023s, ma allo spegnersi dei semafori rossi il suo compagno di squadra riesce a superarlo, ipotecando la prima posizione per tutto il resto della gara.

Le Mercedes non sono state le uniche a combinare mosse decisive per la gara in Curva 1. Di fatti Leclerc riesce a superare Vettel in staccata e Daniel Kvyat si frappone tra le due McLaren di Norris e Sainz danneggiando sè stesso ed entrambe le monoposto papaya.

Questa mossa, per il russo della Toro Rosso gli è costata la prima penalità di stagione e un ritiro a fine gara. L’incidente, alquanto spettacolare, ha sfortunatamente condizionato la gara del promettente Norris, ritirato verso fine gara, e l’esuberante Sainz relegato alla 14esima piazza.

Tornando alle Rosse di Maranello, dopo una brillante partenza da parte del monegasco, Vettel sembrava avere il passo giusto per rimanere al passo delle Mercedes. Dopo un rapido scambio di posizione dei due il tedesco si è ritrovato fuori ritmo, riuscendo a conquistare solo la terza piazza.

Charles Leclerc, dopo la brillante partenza, si ritrova vittima di nuovo delle strategie della Ferrari, dovendo purtroppo lasciare il quarto posto a Max Verstappen e concludendo quinto. La sua guida però non era assolutamente da quinta piazza, si merita di più e conquisterà la vetta molto presto.

Le due RedBull-Honda hanno dimostrato anche questo fine settimana di poter dar noia alla Ferrari, ma di non essere bilanciate quanto le Mercedes. Infatti il quarto posto di Max non riflette affatto la sesta piazza di Pierre Gasly (che ha conquistato il giro veloce all’ultimo giro, sfruttando un tardivo pitstop) per tutta la gara in sordina e mai presente, tranne per difendere la strategia del compagno.

Concludiamo con le utlime quattro vetture in Top Ten:

Daniel Ricciardo riesce finalmente a conquistare i primi punti in Renualt, portando al traguardo l’unica monoposto francese. Questo giro ad aver sofferto di problemi alla MGU-K è stato Hulkenberg, che si è dovuto ritirare nelle prime fasi di gara.

Ottavo troviamo Perez (Sport Pesa Racing Point) che ha dovuto lottare contro un sempre più scatenato Kimi Raikkonen che porta di nuovo l’Alfa Romeo Racing a punti. Il finlandese dell’Alfa Romeo Racing si è reso protagonista di numerosi sorpassi, anche ai danni di un magnifico Albon (Toro Rosso), che è riuscito a portare al traguardo una vettura completamente ricostruita dopo il terribile incidente di sabato durante FP3.

Fonti:

  • 45
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pietro Passeri

Studente di Chimica Industriale a Bologna, da sempre appassionato di Motori. Due o quattro ruote non fanno differenza, se si muove con energia propria e fa rumore ha la mia attenzione. Sempre disposto a mettere in discussione la propria opinione e affamato di sapere. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909

Lascia un commento