Il Bologna c’è! Vittoria importante per uscire dalle sabbie mobili

Analizzare una partita del genere da parte del Bologna non è facile. Nel primo quarto d’ora i clivensi hanno fatto fatica ad uscire dalla loro metà campo. Il Bologna troppo pasticcione negli ultimissimi metri, a parte un gol di Orsolini annullato giustamente dal Var, non riesce a trovare il vantaggio nonostante il primo tiro in porta per i gialloblù arrivi solo dopo la mezz’ora, senza particolari patemi per Skorupski. All’intervallo ci si va sul 0-0 con un grande senso di incompiutezza, con la sensazione che si possa fare meglio.

Il Chievo inizia a colpire duro facendo assaggiare i tacchetti sin da subito. Neanche 10 giri di orologio e Soriano con una serpentina in area si fa stendere. Pulgar concretizza dal dischetto dopo il tocco di Sorrentino che non riesce a respingere. I tifosi non hanno neanche il tempo di sedersi, che Sansone viene atterrato in area e si rinnova il duello tra Sorrentino e Pulgar con il cileno che ha di nuovo la meglio. Al 79 Bani rimedia un giallo per una brutta entrata su Palacio e per somma di ammonizioni è costretto a lasciare il campo, lasciando il Chievo in 10. All’89 Sansone decide di premiare la solita sgroppata di Dijks che ne approfitta e conclude a rete per il definitivo 3-0.

Se si ricercasse la chiave di questa partita ci potrebbero essere diversi fattori. Prima, la capacità che ha questa squadra di giocare tra le linee con i suoi tre uomini offensivi, che producono una grande mole di gioco. Anche le statistiche sono di grande aiuto con il Bologna che nell’ultimo mese ha conquistato 5 rigori contro gli zero totalizzati sotto la gestione Inzaghi, sintomo di quanto i rossoblù riescano a inserire diversi giocatori offensivi in area. La freddezza di Pulgar, vero leader dal dischetto, ha poi fatto il resto.


Mihajlovic si è espresso così in conferenza stampa al termine del match: “Troppa frenesia in attacco e poca lucidità. Dopo Bergamo non mi sono tolto nessun sassolino per le critiche di Giovedì per il match contro l’Atalanta. Dobbiamo continuare cosi, dato che mancano solo 7 partite. Ho parlato con Saputo che è molto contento per quanto visto e so che tornerà per la partita contro l’Empoli”

Intervistato anche Dzemaili: “Prima ero fuori dal progetto, ma con il nuovo allenatore mi sono ripreso il posto e la fascia da capitano. Potevamo vincere contro tante squadre, mancano ancora però alcuni punti per la definitiva salvezza.

Foto: Instagram officiale Bologna

  • 75
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lorenzo Bignami

Tifoso di Virtus e Bologna, seguo i rossoblù da quando ne ho memoria, sempre abbonato in Bulgarelli. Sono inoltre addetto stampa della Salus Pallacanestro Bologna e collaboro con Concretamente sassuolo da diversi anni

Lascia un commento