Appello respinto, ora tutti in pista

Con il comunicato della FIM di martedì sono arrivate due importanti vittorie per Ducati: una in pista con la conferma dei risultati del GP del Qatar, l’altra fuori dalla pista con la sconfitta delle case rivali che avevano esposto il reclamo.

Ora l’obiettivo è quello di dare continuità e sostanza all’entusiasmo che si respira a Borgo Panigale, già dal prossimo gran premio in Argentina. La pista di Termas de Rìo Hondo è storicamente territorio di caccia di Honda e Yamaha, ma per dimostrare il salto di qualità bisogna fare risultato anche in queste gare. Il favorito resta ovviamente Marc Marquez, che in questo tracciato ha ottenuto solo 2 risultati in MotoGP: primo posto o zero punti dovuti a scivolate e pazzie (ricorderete la scorsa edizione con i problemi in griglia, il contatto con Rossi e i secondi di penalizzazione). Quel che è certo è che in Argentina non ci si annoia.

Il Circus della F1, invece, si sposta nel weekend tra le sabbie dorate del Bahrain, sotto i cui riflettori la Ferrari dovrà dimostrare il suo valore, dopo la caduta di stile a Melbourne.

Favorita si ripresenta la Mercedes, con una scelta di gomme gemella alla Rossa di Maranello, forti dei lunghi rettilinei dove si esalta la power unit delle Frecce Argento. Prova di forza per le scuderie motorizzate Honda, la Red Bull può contare su un sempre più motivato Max Verstappen graffiante nei duelli. In queste situazioni cercherà di riscattarsi Ricciardo, dopo il provante esordio a casa sua con la Reanult. Infine, kilometri importanti per il nostro connazionale Antonio Giovinazzi e la promettente Alfa Romeo Racing, reduce da un interessante top ten da parte di Kimi Raikkonen.

Appuntamento quindi con le dirette delle quattro ruote alle 17.10 e delle due ruote alle 20.00. Stop alle polemiche delle scorse settimane, ora tutti in pista!

  • 54
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento