Si alza la quota salvezza?

In un fine settimana che vede quasi ogni pronostico invertirsi fa festa chi di feste quest’anno ne ha più volte viste fare agli altri. Alla bissata vittoria della Spal sulla Roma decisa su rigore, si aggiunge qualche ora dopo quella corsara del Bologna a Torino e il giorno dopo anche quella dell’Empoli del ritornato Andreazzoli su un sempre più penultimo Frosinone. Proprio quest’ultimo forse abbandona, a meno di rimonte straordinarie, la speranza di permanenza in massima categoria, ora distante ben 8 punti. Mai comunque quanto il Chievo, nonostante l’inaspettato punto colto a Bergamo, dove si pensava potesse finire in goleada per gli orobici.

Tolte le ultime due della classe, i giochi si fanno sempre più interessati anche se per ora nulla è ancora stato capovolto. Chi delle vittorie delle concorrenti è vittima è l’Udinese, sconfitta 4-2 dopo una momentanea rimonta a Napoli. Se pensavano di aver dato una spinta consistente al proprio campionato dopo la vittoria col Bologna, ora i friulani di Nicola, vittime di un calendario proibitivo, tornano a soltanto una lunghezza dalla zona rossa. 25 punti come l’Empoli, a 26 c’è la Spal, a 24 il Bologna. Questa improvvisa accelerata nelle retrovie può farci chiedere: si alza adesso la quota salvezza, i punti necessari a rimanere in serie A sono di più?

Realisticamente parlando non è sbagliato rispondere in maniera affermativa. Altre 3-4 vittorie (forse più 3 di 4) in 10 gare possono arrivare da parte di queste squadre il che le porterebbe, aggiungendo ai vari bottini anche qualche pareggio, a raggiungere una quota che si aggira attorno ai 36-37 punti, lievemente più alta rispetto alle passate stagioni e soprattutto più alta rispetto alle aspettative di un paio di giornate fa. Il Cagliari a 30 punti, dunque, può dormire sonni sereni? Diciamo che la vittoria ottenuta sulla Fiorentina non le permette di stare così tranquilla, servirà ancora qualcosa anche perché si è cominciato a correre. Già meglio possono sentirsi Sassuolo, Parma e Genoa (dopo il 2-0 con la Juve a maggior ragione) anche se almeno un’altra vittoria è necessaria, e si sa quanto possa diventare complicato coglierla quando le motivazioni lasciano spazio ai primi caldi primaverili.

Per quanto riguarda il resto della classifica, approfitta degli scivoloni di Torino e Roma (ennesimo per la lupa) in chiave Europa League la Lazio travolgendo il Parma 4-1 mentre il derby della Madonnina restituisce momentaneamente la terza piazza all’Inter, ma sarà una partita aperta fino alla fine.
La pausa nazionali darà il tempo a tutti di fare i propri conti.

P.s. (che in questo caso sta proprio per) Premio spettacolo al 3-5 di Sassuolo-Sampdoria, tecnicamente rivedibile ma da tenerti incollato alla poltrona, o al seggiolino per chi l’ha vista alla stadio.

(Immagine in evidenza: Bologna Fc)

  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento