Ritorno alla vittoria con brivido per la Fortitudo: finisce 70-74 a Ravenna

ORASI’ RAVENNA – LAVOROPIU’ FORTITUDO BOLOGNA 70-74 (15-19), (24-19), (14-16), (17-20)

C’è bisogno di una reazione dopo la sconfitta in Coppa contro Treviso (che qualche ora prima vince su Montegranaro facendo di fatto un favore ai biancoblu) per continuare a mantenere saldo il comando del girone Est a poco più di mese dalla fine della regular season.

Al Pala De André però, dopo il minuto di raccoglimento in memoria di Alberto Bucci, i ritmi dei padroni di casa sono incalzanti fin dal primo possesso: 3 triple e una penetrazione portano dopo 2′ Ravenna sull’11-2. L’insistenza dai 6,75 metri dell’OraSì alla lunga non paga e la Fortitudo si rifà sotto con Hasbrouck e Rosselli portandosi sul -1 (11-10) al 6′ del primo quarto. Il sorpasso è nell’area e al terzo tentativo dalla distanza per Leunen arriva il 10-13. Ospiti che riescono poi a rimanere avanti fino a fine periodo (15-19).

Il vantaggio rimane inalterato nei primi 3′ del secondo quarto fino al break di 10-2 casalingo; Ravenna di nuovo avanti grazie ai punti di Montano (27-23). Gli uomini di Martino alzano allora l’intensità e ribaltano il gap 27-30 a 4′ dall’intervallo lungo. La partita prende quota a suon di triple da entrambi le parti, ma soprattutto da quella ravennate che riesce ad invertire di nuovo il parziale mandando la Fortitudo all’intervallo sul -1 (39-38).

Al 14esimo punto di Smith, top scorer del campionato, risponde da 8 metri Leunen mentre l’ennesimo contro-sorpasso arriva dalle mani di Pini (42-43) dopo 2’30” nel terzo quarto. Si gioca punto a punto, anzi si rimane a secco per qualche minuto, inchiodati sul 45 pari. I liberi di Delfino ri-sbloccano la gara, dopo di lui Masciadri torna a segnare per la squadra di Mazzon prima in risposta all’argentino poi alla tripla di Venuto; ed ecco che si torna al botta e risposta, 53-54 a 10′ dal termine.

Gli errori caratterizzano i primi possessi del quarto quarto. Si va al primo time out dopo 1’30” sul 55-54. La bomba di Fantinelli per il +2 effe riaccende una sfida avara di emozioni già da un po’ nonostante il match continui a rimanere apertissimo fino al parziale di 0-6 tutto firmato da capitan Mancinelli per il +4 Fortitudo (61-65) a poco più di 3′ dalla fine. Partita tutt’altro che finita però. Serve una perfetta asse Fantinelli-Mancinelli per trascinare gli ospiti alla vittoria (70-74) negli ultimi due minuti di una gara dura, faticosa, fatta di sorpassi e contro-sorpassi, non bella da vedere ma fondamentale a rilanciare la Fortitudo in testa, ora nuovamente a +4 sugli avversari.

Statistiche:

Ravenna: Tartamella ne, Hairston 12, Smith 26, Montano 11, Jurkatamm 6, Cardillo, Marino 5, Masciadri 9, Rubbini ne, Gandini 1, Baldassi ne, Martelli ne. All.Mazzon

Fortitudo: Delfino 4, Sgorbati ne, Mancinelli 19, Conti ne, Benevelli, Leunen 10, Venuto 3, Rosselli 7, Fantinelli 15, Pini 4, Hasbrouck 12. All.Martino.

MVP Bolaround: Stefano Mancinelli (19 punti, 3/3, 5/9, 2/4 )

(Foto Valentino Orsini/Fortitudo Bologna)

  • 25
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento