SBK, tripletta all’esordio per Bautista: “oggi è un giorno che ricorderò per sempre”

Dominio imbarazzante a Phillip Island di Alvaro Bautista sulla nuova Ducati Panigale V4R all’esordio in Superbike.

In Australia è andato in scena il primo round del campionato del mondo di Superbike. Nuovo anno e nuovo format per le derivate di serie che vedono per la prima volta nella storia, oltre alle classiche due manches, una terza gara di soli 10 giri, chiamata Gara Tissot Superpole, i cui risultati daranno punti validi per la classifica e determineranno la griglia di partenza di Gara 2.

In Gara 1 vittoria importante di Bautista, che toglie ogni dubbio sorto durante l’inverno sulla velocità della nuova moto di Borgo Panigale. Secondo il campione del mondo in carica Jonathan Rea, mai così in difficoltà in questi anni nel provare a lottare per la prima posizione, e terzo un ottimo Marco Melandri su Yamaha.

Nella giornata di domenica Bautista ha conquistato altre 2 vittorie: la prima nella nuovissima Superpole Race di 10 giri e la seconda in Gara 2, tagliando il traguardo con un vantaggio di 12 secondi rispetto a Rea. Chiude il podio di gara 2 la Kawasaki di Leon Haslam.

Ottimo inizio di stagione per il pilota spagnolo proveniente dalla MotoGP ma Ducati sorride a metà, dato che il compagno di squadra Chaz Davies ha concluso la prima gara in decima posizione e la seconda gara in nona, accumulando oltre 50 secondi di ritardo dalla vetta.

Aruba.it Racing Team Ducati

Le parole di Bautista:

“È stato un week end perfetto e non poteva cominciare meglio il mio esordio in SBK! Abbiamo raccolto il massimo bottino vincendo gara 1, Superpole race e gara 2. Se mi avessero detto prima che avrei vinto tre gare non ci avrei creduto ma abbiamo lavorato molto bene durante i test per preparare una moto fantastica. Nella Superpole race di questa mattina mi sono divertito molto a lottare con Rea, sapevo che sarebbe stato molto competitivo e che avrebbe provato a mettermi sotto pressione. Il ritmo è stato incredibile, ho cercato di tenere alta la concentrazione e alla fine ho avuto la meglio. In gara 2 le condizioni erano molto difficili, era importante salvaguardare le gomme a causa dell’elevata temperatura dell’asfalto, quindi ho spinto nei primi giri per cercare di amministrare nel finale. Sono davvero molto contento dei risultati, oggi è un giorno che ricorderò per sempre! Ringrazio tantissimo il Team Aruba, Ducati e i ragazzi della mia squadra per avermi permesso questa impresa! Non dobbiamo abbassare la guardia continuando a lavorare sodo, siamo solo all’inizio e mi aspetto un campionato di altissimo livello.”

Fonte: Mediahouse Ducati

  • 143
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento