La Fortitudo scava il solco nel primo tempo: a Mantova finisce 60-69

POMPEA MANTOVA – LAVOROPIU’ BOLOGNA 60-69

(8-20, 17-25, 19-13, 16-11)

Secondo turno infrasettimanale in poco meno di un mese per la Fortitudo, chiamata a recuperare la partita non giocatasi a Mantova Domenica 10 Febbraio. L’ultima volta durante la settimana non andò bene, infatti a Udine i biancoblu incapparono nella seconda sconfitta stagionale. La Fortitudo arriva da una convincente vittoria interna contro Piacenza ed è costretta a mantenere a distanza la Poderosa Montegranaro (ora a -2 dalla vetta) in vista del big-match di Domenica. Anche di Mercoledì sera, quasi 400 tifosi al seguito dei leoni biancoblu in quel di Mantova.

Prepartita:

Abbiamo già dimostrato che possiamo soffermarci su una gara alla volta, sappiamo quanto sia importante Mantova e non penso che ci faremo distrarre dalla successiva gara contro Montegranaro.

Così coach Antimo Martino ha presentato alla stampa la trasferta di questa sera, confermando di fatto che i ragazzi saranno concentrati sul campo e solo dopo si penserà al big-match di Domenica contro Montegranaro.
Per il coach la partita chiave delle tre in questa settimana è proprio quella di stasera, per un fatto esclusivamente mentale. Coach Martino dovrà fare a meno di Capitan Mancinelli, fermato dall’influenza.

Ci vorranno 40′ di intensità per competere con la Fortitudo.

Sull’altra panchina ci sarà un ex: Alex Finelli, militante in Fortitudo dal 1985 al 1998 e durante la sfortunata stagione 2009-2010. Per la partita di questa sera coach Finelli punta tutto sui rimbalzi, dicendo che controllando le seconde palle la sua squadra in casa potrà correre in contropiede anche se contro questa Fortitudo sarà dura.

Cronaca:

Quintetto Mantova: Veideman, Maspero, Raspino, Ghersetti, Morse.
Quintetto Fortitudo: Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Leunen, Pini.

E’ Giovanni Pini il primo marcatore di serata, che segna con un appoggio a canestro dopo una mischia furibonda a rimbalzo. Morse la pareggia momentaneamente. Leunen tripla centrale a segno ed è 2-9 a metà primo quarto. Accorcia Maspero 4-9, che in difesa nell’azione successiva commette fallo antisportivo su Fantinelli che fa 2/2 dalla lunetta. Rosselli recupera un ottimo pallone e guida il contropiede servendo Fantinelli che viene stoppato irregolarmente e quindi canestro valido. Time-out obbligato per Alex Finelli che deve fermare l’emorragia 4-13 a 4′ dalla fine del primo quarto. Rientrano le squadre, Martino inserisce Cinciarini al posto di Hasbrouck. Solo la Fortitudo in campo, Leunen segna, subisce il fallo e completa il gioco da tre punti. Cinciarini penetra e alza la parabola per evitare la stoppata segnando un grande canestro, che vale l’8-20 conludendo un primo quarto dominato dai biancoblu.

Ad inizio secondo quarto è Raspino a partire forte. Controbatte Hasbrouck segnando il 10-22. Veideman parte in contropiede, segna, subisce il terzo fallo personale di Venuto e trasforma il tiro libero. Fase confusionale della partita, ci pensa Visconti a segnare la tripla del -8 per i padroni di casa. Benevelli riporta a +10 la Fortitudo 16-26. Ancora Visconti da tre, esce dai blocchi e segna. Kenny Hasbrouck segna un canestro fantastico, sfidando la difesa schierata e subendo il fallo, 19-31. Terza tripla di serata per Riccardo Visconti ed è di nuovo -10, ma ci pensa Hasbrouck a rispondere da tre. Pini riceve in taglio da Fantinelli e appoggia comodo al vetro il +17, a 2′ dall’intervallo lungo è 23-40. Cinciarini in step-back segna e subisce il fallo e segna l’aggiuntivo. Veideman riporta i suoi a -20 e Martino, a 3″ dalla sirena di metà partita, chiama time-out per organizzare l’ultimo vano attacco dei biancoblu. I primi venti minuti finiscono 25-45.

Massimo vantaggio Fortitudo al rientro dagli spogliatoi, +22 con appoggio in contropiede di Leunen. Veideman riporta a -19 i suoi con un gioco da tre punti trasformato. Ghersetti mette a segno i suoi primi 3 punti di serata ed è -16. Raspino recupera la palla su Rosselli e s’invola in contropiede dove segna e subisce il fallo di Pini, non trasforma il libero aggiuntivo ed il parziale per i padroni di casa rimane di 8-0, è 33-47 a metà terzo quarto. Metreveli segna e prosegue il parziale aperto di 10-0, Martino è costretto a chiamare time-out. Il rientro in campo non è dei migliori, Ghersetti stoppa il tiro tentato da Benevelli. Dalla rimessa che ne segue, con un secondo da giocare, Cinciarini riesce a segnare ed interrompere il parziale mantovano. Raspino da 8 metri infila il – 11, 38-49. Proprio a Raspino viene comminato un fallo tecnico inutile per il momento in cui versava la sua squadra. Marco Venuto si iscrive all’albo, primi tre punti di serata anche per lui e +15. Anche Benevelli segna dall’arco e ad un minuto dall’ultimo mini-intervallo è 42-58. Con un canestro di Ferrara si chiude il terzo periodo sul 44-58.

Mantova nell’ultimo quarto riparte forte, 48-60 a 7’30” dalla fine della partita. Non si segna nè da una parte nè dall’altra per un minuto, ci pensa Fantinelli ad interrompere il digiuno offensivo, a metà dell’ultimo periodo 50-64 per i bolognesi. Fortitudo che sì non subisce canestri, ma commette per quattro volte consecutive infrazione di 24″. Fantinelli fa 1/2 dalla lunetta ed è 52-65. Il giovane Ferrara penetra, segna e subisce il fallo di Leunen. Sono 10 le lunghezze che separano le due squadre a 2’30” dalla fine. Veideman segna da tre e Mantova torna sotto di 9. Pini commette infrazione di passi e palla di nuovo in mano ai lombardi. Segna ancora Veideman ed è -7. Pini dopo un’azione offensiva confusa recupera il rimbalzo che vale la vittoria. Nell’ultima azione sempre Pini segna in contropiede. Al PalaBam di Mantova finisce 60-69.

La Fortitudo vince la prima gara stagionale segnando meno di 70 punti. Torna a +4 sulla seconda classificata, diretta inseguitrice Poderosa Montegranaro che farà visita al PalaDozza, Domenica alle ore 18, dove si potrà (forse) decidere il campionato.

MVP BOLaround:

Daniele Cinciarini: 7 (14 pti, 1 reb, 1 ass)

Tabellini:

Pompea Mantova: 
Guerra NE, Vencato , Veideman 16, Morse 4, Poggi , Raspino 11, Visconti 9,
Ferrara 9, Albertini NE, Ghersetti 9, Maspero 2.

Lavoropiù Fortitudo Bologna: Rosselli 4, Hasbrouck 12, Fantinelli 9, Cinciarini 14, Leunen 8, Benevelli 9, Venuto 3, Pini 10, Sgorbati NE, Simon NE, Franco NE.

(Foto Valentino Orsini / Fortitudo Bologna)

  • 35
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Andrea Fanti

Nato nel 2002, studio al Liceo Copernico di Bologna. Appassionato di calcio fin da piccolo seguo il Bologna da quando ho 5 anni, il basket è entrato nella mia vita un po' dopo, quando avevo 9 anni che ho iniziato a praticarlo. Oggi sono abbonato sia a Bologna che a Fortitudo. A Novembre mi è arrivata la proposta di entrare a far parte della redazione di BOLaround ed ho accettato subito, da quel giorno mi occupo di Fortitudo e qualche volta di Virtus scrivendo e presenziando ai post partita casalinghi.

Lascia un commento