Game Over: insert coin

“La squadra ha fatto pietà”. Non serve aggiungere altro al commento di Saputo che così ha descritto la prestazione odierna dei rossoblu. Forse neanche nelle peggiori e più remote ipotesi ci si poteva aspettare un disastro tale. Era fondamentale vincere, invece è andata a finire come ben tutti sappiamo. Di analisi su una gara già praticamente chiusa dopo il secondo gol ciociaro se ne possono fare ben poche, come ben pochi, anzi assenti, sono gli aspetti da salvare del Bologna visto in campo. Tutto sbagliato, tutto il contrario di quel che doveva succedere. Dalle partite contro Spal e Frosinone i 6 punti erano quasi un obbligo, se ne sono persi 5 per strada che contando gli scontri diretti salgono a 7. Se l’Empoli dovesse fare bottino pieno contro il Genoa, unita alla vittoria corsara della Spal in quel di Parma, la situazione diventerebbe, e questa volta per davvero, seriamente compromessa.

La contestazione prende il sopravvento e la scena sulla partita-non partita, e ci credo; Saputo ci mette la faccia. Questo è l’unico aspetto positivo di una domenica che, sportivamente parlando, sfiora, se non addirittura supera, il tragicomico. Il chairman si presenta a colloquio con i tifosi, si scusa e dice quello che nessuno in società fino a questo momento aveva detto. Le cose cambieranno, assicura, lasciando intendere un immediato esonero in panchina e prospettando un cambio a livello dirigenziale a fine stagione. Molte testate riportano il nome di Sinisa Mihajlovic come possibile e probabile nuovo tecnico rossoblu, una figura che possa dare la giusta scossa all’ambiente e provare una risalita, adesso, indubbiamente complicata.

La presentazione del restyling dello stadio è stata una piacevole distrazione, forse anche cercata per distrarsi dall’infelicità raccolta in campo, che certamente delinea un orizzonte progettuale importante per la società; indipendentemente dalla categoria, sarebbe bello fosse la massima anche nel più prossimo futuro. Ma su questo c’è da lavorare parecchio, magari anche negli ultimi giorni di mercato. Trovare il famoso difensore in primis, posto che le prime scelte hanno oramai scelto altre casacche; segno che anche qua andrà diversamente da come programmato.

E’ una fredda giornata di fine gennaio e a Bologna non splende il sole. Il malcontento si trasforma in tumulto e l’entusiasmo se ne rimane ben lontano. Siamo arrivati al Game Over: inserire un nuovo gettone per riprendere la partita.

(Immagine ufficiale Bologna fc 1909)

  • 24
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento