Punter si accende nel terzo quarto e la Virtus stende Trieste

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – ALMA TRIESTE 82-74 (17-13, 18-14, 31-18, 16-29)

Match delicato in ottica post season a Bologna, dove la Virtus ospita una Trieste reduce dall’ottima prova contro la capolista Milano. Una vittoria dei bianconeri consentirebbe di allungare in classifica, staccando di 4 lunghezze le dirette concorrenti.

Taylor prova subito a scaldare il Paladozza con la tripla che apre il match. Risponde dopo un paio di azioni Peric, che impatta sul 5-5. Si segna con il contagocce nei minuti successivi, ma l’Alma è più lucida e tocca anche il +4, sfruttando i tanti errori della Virtus in fase offensiva. L’appoggio in contropiede di Sanders porta Trieste sul 9-13 e convince Sacripanti ad inserire Kelvin Martin sul parquet. Il mini-break di 4-0 della Segafredo costringe Dalmasson al primo time out di serata, quando manca poco più di 1’ al termine della prima frazione. L’impatto del numero 1 bianconero è significativo e la Virtus piazza un altro parziale che le consente di chiudere il quarto avanti 17-13.

Trieste cerca di appoggiarsi a Peric, che sfrutta il suo talento e in semigancio riavvicina i biancorossi nel punteggio. Dalla lunetta si sblocca anche Pietro Aradori, che riporta i suoi sul +4 (23-19), in un secondo quarto molto equilibrato e in cui si continua a segnare poco. Nessuna delle due squadre riesce a trovare ritmo in attacco, ma l’aumento di intensità difensiva dei padroni di casa è testimoniato dalla stoppata di Martin sulla penetrazione di Peric. Prova ad entrare in partita anche Punter, che forza qualche conclusione, ma alla fine riesce a trovare i due punti attaccando il ferro (29-25). Un paio di buone giocate di Pajola e la tripla di Punter portano la Virtus al massimo vantaggio sul +8. La schiacciata su allegro-oop di Mosley e l’appoggio di Kravic portano le squadre negli spogliatoi sul 35-27.

In avvio di ripresa Kevin Punter si prende la scena, con 2 piazzati in fila, che portano per la prima volta il vantaggio delle Vunere in doppia cifra (41-31). Sacripanti riparte con lo starting five iniziale, reinserendo sul parquet Taylor e Moreira (gravati di due falli e a sedere in panchina nel secondo periodo). La Segafredo tocca anche il +11 grazie ai tiri liberi di M’Baye, ma l’appoggio dell’ex Fortitudo Knox riavvicina Trieste. Si accende anche il neo-arrivato Moreira, che segna e poi regala l’assist al francese col numero 24: gioco da 3 punti e Bologna che vola sul 50-36. L’Alma sembra subire l’aggressività dei bianconeri e non trova contromisure, con il solo Cavaliero che riesce a trovare il fondo della retina. Tre triple consecutive di Punter portano i bolognesi addirittura sul +18, facendo esplodere il Paladozza (59-41). L’ex AEK continua a colpire dalla lunga distanza, salendo a quota 21 punti personali, permettendo alla Virtus di chiudere il quarto sul 66-45, con un parziale di 31-18 nella terza frazione.

Sembra essere già finita la sfida del Paladozza, con la squadra di Sacripanti in totale controllo e Baldi Rossi che inchioda il +23 (70-47), quando mancano poco più di 7’ al termine. Il mini-parziale degli ospiti (0-5) convince però il coach brianzolo a fermare il gioco, per evitare pericolosi cali di tensione. Fernandez e Cavaliero provano a risvegliare i proprio compagni, accorciando le distanze fino al -15 (72-57) a metà frazione. Trieste tenta gli ultimi assalti per riaprire il match, arrivando fino al -9 con i liberi del solito Cavaliero. Il quinto fallo di Tony Taylor regala due liberi a Cittadini: lo 0/2 del triestino concede a Bologna la palla per chiudere definitivamente il match. Ci pensa Punter dalla linea del tiro libero a far respirare i suoi, con il 2/2 che porta il punteggio sul 79-68. Non c’è piu tempo per recuperare per gli ospiti e la Virtus conquista i due punti col punteggio finale di 82-74.

Tabellino Virtus: Punter 23, Moreira 10, Martin 8, Pajola 1, Taylor 5, Baldi Rossi 5, Cappelletti 2, Kravic 11, Venturoli NE, Berti NE, Aradori 5, M’Baye 12

Tabellino Trieste: Coronica NE, Peric 9, Fernandez 12, Wright 5, Strautins 9, Cavaliero 13,, Da Ros, Sanders 4, Knox 6, Dragic 4, Mosley 12, Cittadini

MVP BOLaround: Kevin Punter (23 punti, 5 rimbalzi e 18 di valutazione)

(Foto Virtus Segafredo Bologna)

  • 185
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Strazzari

Grande appassionato di basket sin da piccolo, tifoso Virtus e Bologna Fc. Fondatore di "BOLaround", mi occupo di articoli e interviste relativi al mondo Virtus. Commentatore tecnico delle partite del Basket Progresso Matteiplast Bologna. Attualmente articolista anche presso basketinside.com Fondatore BOLaround

Lascia un commento