Aradori trascina la Virtus, battuta a fatica Lubiana

Torna alla vittoria in Europa la Segafredo e lo fa, non senza sudare, battendo Lubiana, fanalino di coda del girone. Inizio blando per la Virtus, che va sotto anche di 14 punti nel primo tempo. Poi Aradori e Taylor firmano la rimonta e il definitivo sorpasso che permette alla squadra di Sacripanti di consolidare il primato e di fare un altro passo importante verso il passaggio del turno.

Parte forte Lubiana che, senza neanche far cose eclatanti, si ritrova sul +13 a metà del primo quarto (5-18). La Virtus, con il quintetto difensivo, ha un sussulto e con due canestri in fila di Baldi Rossi chiude la prima frazione in svantaggio di 10 lunghezze (13-23). La V nera prova a mettere intensità ma la maggiore freschezza di Lubiana permette agli sloveni di volare: canestro di Samanic e tripla di Badzim e massimo vantaggio Olimpja. La Virtus si sveglia, Punter e Taylor trovano Non canestri facili e in un amen dimezzano lo svantaggio: parziale bianconero di 12-0 a 2 minuti dall’intervallo lungo. Poi tanti errori, due canestri di Begic e una tripla di Aradori fissano il punteggio sul 37-41 alla fine del primo tempo.

L’intervallo fa bene alla Virtus che scende in campo con un altro piglio nel secondo tempo ed impatta per la prima volta nel punteggio grazie ad un layup di M’Baye (43-43). Qualche passaggio a vuoto di Lubiana in attacco e la Virtus, trascinata da Kravic padrone sotto il ferro offensivo, firma il primo sorpasso di tutta la gara. La squadra bianconera, però, non riesce ad avere continuità difensiva e alla fine del terzo quarto è ancora sotto, anche se solo di due lunghezze (61-63). Tripla di M’Baye e tripla di Aradori, iniziano così i primi minuti dell’ultimo periodo della Segafredo, con Lubiana che però non molla la presa e continua a correre in transizione. La Virtus capisce che è il momento giusto e con 5 punti in fila di Aradori (14 totali solo nell’ultimo quarto) costringe Lubiana al timeout. La squadra slovena, però, è stanca e non trova facilmente gli spazi per tiri comodi; la Virtus, con Martin e Cournooh in campo, ha un’altra faccia nella metà campo difensiva. Baldi Rossi fa goal dalla lunga distanza, M’Baye inchioda a una mano, Lubiana tenta un ultimo assalto ma lo stesso francese ruba palla e, alla fine, basta un 1/2 dalla lunetta di Aradori per portare a casa due punti e consolidare il primato solitario in classifica.

(Foto di Basketball Champions League)

  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Redazione BOLaround

Sito Web di notizie e media fondato il 24 Novembre 2017.

Lascia un commento