Fortitudo al cardiopalma, servono 45′ al PalaMaggetti: 89-95, è +6 sulla seconda

ROSETO SHARKS – LAVOROPIU’ BOLOGNA 89-95

(20-19, 21-20, 23-23, 10-12, 15-21)

E’ l’ultima partita di un girone d’andata dominato dalla Fortitudo, con 13 vinte e un solo passo falso in casa della Bakery Piacenza. Si gioca al PalaMaggetti di Roseto degli Abruzzi dove le due tifoserie danno vita ad un bello spettacolo di sportività dato il forte gemellaggio.

Prepartita:

Sarà una partita interessante, il PalaMaggetti non è mai un campo facile, anche se tutti conosciamo il gemellaggio presente tra le tifoserie. E’ una squadra molto giovane e atletica, esprime pallacanestro diversa dalle altre. Non sarà una passeggiata.

Così coach Martino ha presentato l’ultimo match prima del giro di boa. Fortitudo già ampiamente qualificata alle Final Eight LNP, ma couqnue vogliosa di mantenere il +4 sull’inseguitrice Treviso. Assente ancora una volta Capitan Mancinelli che sta svolgendo un percorso personalizzato per poter essere nel girone di ritorno l’arma in più.

La squadra di coach D’Arcangeli sarà al completo ed arriva sulle ali dell’entusiasmo da una netta vittoria sul campo della Kleb Ferrara per 59-89 e vuole chiudere bene in ascesa il proprio girone di andata avendo vinto solo 5 partite su 14.

Cronaca:

Quintetto Roseto: Person, Sherrod, Nikolic, Akele, Eboua.
Quintetto Fortitudo: Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Leunen, Pini.


Il primo canestro è di Fantinelli in un coast to coast in contropiede.
Rispondono i padroni di casa con Sherrod, Akele e la schiacciata di Eboua, 6-0 di parziale e 6-2 al terzo minuto. Alla tripla di Person segue quella di Kenny Hasbrouck (9-7). Fortitudo molto molle (neanche un fallo commesso in sei minuti), subisce due stoppate in attacco e subisce un’altra tripla da Eboua (12-7). Martino inserisce Cinciarini e ordina la zona 2-3 che ha subito riscontri positivi. Non subisce canestri per due minuti e dall’altra parte del campo Leunen infila da tre e con la complicità di Fantinelli riporta a +1 la Fortitudo. Pierich trasforma un incredibile gioco da 4.
Sulla sirena del primo quarto Sherrod schiaccia su una mancata rotazione difensiva. E’ 20-19 al primo mini-intervallo.

Fortitudo che comincia peggio di come aveva fatto nel primo quarto, Pierich infila da tre, ma per fortuna Sherrod fa 1/4 ai liberi dopo aver subito i falli di Cinciarini e di Rosselli. Dopo tre minuti Fortitudo già in bonus e non poco in difficoltà. Ci pensa Marco Venuto a trasformare una tripla centrale che porta i biancoblu a -1 e time-out D’Arcangeli. 9-0 di parziale e massimo vantaggio per la Fortitudo sul 25-30 dopo un canestro in semi-gancio di Pini. Ci pensa Sherrod a riportare la truppa abruzzese a -2 con un bel gioco da tre punti trasformato. Antimo Martino decide di chiamare time-out a 3′ dall’intervallo lungo. Matteo Fantinelli spara e segna da tre per il +7.
I ragazzi di D’Arcangeli non demordono e Franko Bushati, coadiuvato da Person, firma il sorpasso rosetano, 10-0 di parziale aperto e time-out per Martino. Fantinelli appoggia al vetro il -1. Ultimo possesso per i padroni di casa che a 2 secondi dalla fine vanificano il possibile +3 con un fallo in attacco ed allora Pini trasforma i due liberi del +1, ma non basta perché Person da 20 metri e con soli 2 secondi sul cronometro infila la tripla del contro-sorpasso. Partita molto equilibrata al PalaMaggetti, si va negli spogliatoi sul risultato di 41-39.

Non è troppo confortante il rientro sul parquet per il secondo tempo, ancora il solito Pierich in stato di grazia che segna da tre ed è subito +5. Fortitudo che sbaglia troppo sia in difesa che poi in attacco. Person mette a segno il 46° ed il 49° punto rosetano. Fantinelli con 4 punti riporta a -4 la sua squadra, a cui segue Benevelli con una tripla fondamentale ed è 49-48. La Fortitudo non c’è, i rosetani hanno molta più fame e mordono le caviglie dei bolognesi e segnano con Nikolic ed Akele che puniscono sistematicamente ogni errore dei ragazzi di Martino. Hasbrouck e Benevelli tengono a galla la Fortitudo ed è di nuovo parità a quota 56.
Ad un minuto dall’ultimo mini-intervallo D’Arcangeli, dopo reiterate proteste, prende fallo tecnico. Bushati si carica la squadra sulle spalle ed in contropiede segna e subisce fallo. Benevelli è on-fire segna da tre, ma successivamente viene comminato un fallo tecnico a Guido Rosselli per proteste sull’azione difensiva precedente. Un secondo alla fine e Benevelli commette fallo su Rodriguez che trasforma due tiri liberi e manda i suoi in panchina sul +2, 64-62.

Non segna nessuno nei primi due minuti dell’ultimo periodo. Grandissima difesa di Venuto che scippa il pallone e manda Cinciarini in contropiede, subisce il fallo e fa 1/2 ai liberi (64-63). Il primo canestro dal campo arriva con un ottimo semi-gancio di Maarten Leunen. Pierich segna ancora da tre e rompe il digiuno offensivo abruzzese durato 5 minuti (69-65).
Kenny Hasbrouck amore e odio: fa 1/2 ai liberi, poi segna da tre per il momentaneo +1. Sherrod da sotto non sbaglia il semi-gancio.
A 2’22” dalla fine Rosselli finta da tre, si butta dentro e segna col fallo trasformando anche il tiro libero. Chi se non Pierich a riportare avanti i padroni di casa con la sua quarta tripla di serata.
Ancora Rosselli, ed è parità. Inizia l’ultimo minuto sul 74-74 e time-out per coach Martino. Leunen recupera un gran pallone e con 10″ secondi Rosselli manovra e serve Cinciarini nell’angolo che spara invano. 40 minuti non sono bastati, serviranno altri 5 minuti per decidere la vincitrice.

Coast to coast di Guidone Rosselli e successivamente di Kenny Hasbrouck che in 35″ trasformano il risultato da 74 pari a 74-78 ed è subito time-out D’Arcangeli. Il segnale arriva quando Pierich finalmente sbaglia un tiro da tre e nell’azione successiva di fisico Fantinelli appoggia il +6. Non c’è più storia, Rosselli recupera un nuovo pallone che tramuta in canestro e Cinciarini segna da tre, è +11. Rodriguez accorcia le distanze con due bombe (84-89). Non finisce più, Cinciarini segna due tiri liberi, ma Person infila un’altra tripla, -4 a 14″ dalla fine. Finisce sul risultato di 89-95.

Fortitudo che vince a fatica, è una vittoria fondamentale che vale molto di più di 2 punti in classifica, perchè Treviso cade ad Udine 77-63 ed al giro di boa è +6. Alle Final Eight LNP (1-3 Marzo @Porto S.Giorgio) i ragazzi di Martino incontreranno la Pallacanestro Biella (quarta classificata nel girone Ovest). Prossimo impegno, Domenica 13 Gennaio al PalaDozza h.18 contro la Tezenis Verona reduce da 9 vittorie consecutive.

MVP BOLaround:

Kenny Hasbrouck : 7,5 26 pti, 1 reb, 0 ass
Guido Rosselli: 7+ 13 pti, 4 reb, 4 ass

Tabellini:

Roseto Sharks: Person 26, Pierich 17, Akele 8, Bushati 6, Sherrod 15, Rodriguez 7, Panopio, Bayehe, Nikolic 2, Eboua 8, Cocciaretto NE, Ianelli NE.

Lavoropiù Fortitudo Bologna: Rosselli 13, Hasbrouck 26, Fantinelli 15, Cinciarini 12, Leunen 9, Benevelli 10, Prunotto NE, Venuto 3, Simon NE, Mancinelli NE, Pini 7, Sgorbati NE

(Foto Valentino Orsini / Fortitudo Bologna)

  • 47
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Andrea Fanti

Nato nel 2002, studio al Liceo Copernico di Bologna. Appassionato di calcio fin da piccolo seguo il Bologna da quando ho 5 anni, il basket è entrato nella mia vita un po' dopo, quando avevo 9 anni che ho iniziato a praticarlo. Oggi sono abbonato sia a Bologna che a Fortitudo. A Novembre mi è arrivata la proposta di entrare a far parte della redazione di BOLaround ed ho accettato subito, da quel giorno mi occupo di Fortitudo e qualche volta di Virtus scrivendo e presenziando ai post partita casalinghi.

Lascia un commento