Punter-show nel finale: a Natale festeggia la Virtus

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 81-69 (28-15, 13-25, 16-12, 24-17)

Due punti pesantissimi quelli in palio a Natale tra Virtus e Reggio Emilia, entrambe reduci da due ko consecutivi e con la necessità di muovere la classifica.

E’ di Kevin Punter il primo canestro in questa serata natalizia, che segna il ritorno della Virtus all’Unipol Arena (anche la sfida con Brescia del 6 Gennaio verrà disputata a Casalecchio). Risponde presente però anche la Grissin Bon, che ne piazza 5 in fila con l’ex Rivers e Allen. L’alley-oop finalizzato da Taylor fissa il punteggio sul 7-5 dopo un paio di minuti. Bologna alza i giri del motore e si fa sentire in difesa, chiudendo gli spazi alle penetrazioni ospiti. Nella metà campo offensiva arrivano invece due bombe consecutive (Cournooh e Punter) che, seguite dalla penetrazione di Taylor, costringono Coach Cagnardi al primo timeout (15-7). Reggio si affida molto al tiro dalla lunga distanza, non riuscendo ad appoggiarsi in area da un poco ispirato Cervi al momento. Le conclusioni di Allen e Aguilar riportano gli ospiti sul -6 (19-13). L’inerzia però resta nelle mani degli uomini di Sacripanti, che trovano 5 punti in fila di uno scatenato Cappelletti nel finale, chiudendo la prima frazione avanti 28-15.

Secondo periodo aperto da un break di 6-0 della Reggiana, col piazzato di Gaspardo che convince Sacripanti a chiamare il suo primo timeout di serata (28-21). La gara continua a viaggiare sugli stessi binari del primo quarto e la Virtus riprende la doppia cifra di vantaggio grazie alla seconda tripla di serata di Cournooh (35-24). Gli ospiti restano però in scia soprattutto per merito delle iniziative dell’ex Fortitudo Candi e di Rivers. I primi tre punti di serata di Llompart accorciano ulteriormente il divario, col tabellone dell’Unipol che segna 35-33 a poco meno di 3′ dall’intervallo. Cagnardi prova la carta della “zone-press”, ma Bologna trova un appoggio facile con Kravic. Il pubblico bianconero si infiamma nell’azione successiva, quando M’Baye cancella il tiro di Candi e apre il contropiede concluso dalla schiacciata del pivot serbo. L’appoggio finale di Byron Allen porta le squadre all’intervallo sul 41-40.

Si segna meno in avvio di ripresa rispetto a quanto visto nei primi 20′ di gioco. Intensità sempre elevata e grande aggressività difensiva per entrambe le squadre, con la Grissin Bon già in bonus a metà frazione. L’undicesimo punto di Punter ed il successivo sfondamento subito da Taylor convincono Cagnardi a fermare il gioco: Virtus avanti 52-47. La mira delle Vunere dalla lunga distanza continua ad essere scarsa (4/14) e Aguilar ne approfitta inchiodando il -4. Tanti errori negli ultimi minuti, col parziale finale del quarto che indica 16-12 in favore di Bologna, per un 57-52 complessivo prima degli ultimi 10′ di gara.

Virtus che torna vicino alla doppia cifra di vantaggio grazie al canestro di un ispirato Taylor, ma dall’altra parte rispondono prontamente prima Rivers, quindi De Vico, riavvicinando gli ospiti sul -6 (65-59). Ai canestri di Taylor replica però Leonardo Candi, che firma la sua seconda tripla di serata. Rivers in penetrazione fissa il punteggio sul 67-64, quando mancano poco più di 2′ al termine del match. Kravic fa 0/2 dalla lunetta ed un chirurgico Byron Allen spara la bomba del pareggio che fa esplodere i tifosi ospiti e spinge Sacripanti al timeout. Palla nelle mani di Punter, che sbaglia l’appoggio ma si cattura il rimbalzo e mette a referto due punti pesantissimi per il nuovo vantaggio dei suoi. Si infiamma la partita, con Rivers che impatta nuovamente sul 69 pari, ma il numero 0 bianconero non è d’accordo e piazza due triple che fanno saltare in piedi i 7000 dell’Unipol Arena: 75-69 Virtus a 33″ dal termine. Reggio tenta l’ultimo assalto, ma il tiro di Aguilar si spegne sul primo ferro. C’è il tempo solo per definire il risultato finale: 81-69. Bologna chiude dunque con un 12-0 di parziale nell’ultimo minuto in sostanza, portando a casa due punti fondamentali per la corsa alle Final Eight.

MVP del match Kevin Punter, decisivo nel finale, ma da sottolineare anche l’ottima prova di Taylor, che chiude con 19 punti, 8 assist e 9 falli subiti (32 di valutazione).

Quintetto Virtus: Taylor, Punter, Cournooh, M’Baye, Qvale

Quintetto Reggio: Allen, Llompart, Rivers, Aguilar, Cervi

Tabellino Virtus: Punter 21, Pajola , Taylor 19, Baldi Rossi 3, Cappelletti 4, Kravic 13, Venturoli NE, Berti NE, M’Baye 8, Cournooh 7, Qvale 6

Tabellino Reggio Emilia: Mussini, Allen 18, Candi 8, Rivers 14, Aguilar 5, Gaspardo 2, Vigori NE, Cervi 3, Soviero NE, Ortner 4, Llompart 8, De Vico 7

MVP BOLaround: Kevin Punter (21 punti, 5 rimbalzi e 20 di valutazione)

(Foto Virtus Segafredo Bologna)

  • 170
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Strazzari

Grande appassionato di basket sin da piccolo, tifoso Virtus e Bologna Fc. Fondatore di "BOLaround", mi occupo di articoli e interviste relativi al mondo Virtus. Commentatore tecnico delle partite del Basket Progresso Matteiplast Bologna. Attualmente articolista anche presso basketinside.com Fondatore BOLaround

Lascia un commento