La Fortitudo riprende a correre: vittoria per 93-76 contro Cento

LAVOROPIU’ FORTITUDO BOLOGNA – BALTUR CENTO 93-76

(22-19) (27-16) (21-18) (23-23)

Dopo il passo falso di Piacenza la squadra di Martino al PalaDozza trova la strada spianata verso la 10° vittoria stagionale. Contro Cento c’è partita solo nei primi due quarti poi i padroni di casa prendono il largo e di fatto chiudono la gara già ampiamente prima dell’ultimo quarto.

Primo Quarto

Match sbloccato dalla tripla di White prima che la Fortitudo metta a referto i primi due punti con Pini (2/2 ai liberi). Gli ospiti concedono ampi spazi difensivi letti benissimo da Leunen che imbecca più volte Pini e Rosselli. Iniziale momento di difficoltà per Cento tenuta a galla da White e le triple di Mays. E’ proprio il playmaker a trascinare i suoi al primo sorpasso, escluso quello iniziale (15-16). Finale di primo quarto poi ad appannaggio biancoblu grazie ai canestri, sempre da 3, di Venuto prima e Benevelli poi, che fissano momentaneamente il punteggio sul 22-19.

Secondo Quarto

Hasbrouck e Benevelli aprono le marcature dei secondi 10′ portandosi sul +8 prima che la squadra di Benedetto rifili un parziale di 0-8 alla capolista che impatta la partita (27-27). L’immediato time out chiamato da Matino pare funzionare e la Fortitudo rientra in campo e si riporta sul +5. Cento, però, è viva e non lascia fuggire i padroni di casa. Ci riesce invece, o almeno permette di mantenere le distanze tra le due squadre, l’ennesima tripla di Benevelli che aggiunta ai canestri di Leunen e Hasbrouck fanno volare la effe a +14: 45-31 a due minuti dalla fine del primo tempo. Squadra ospite in difficoltà, soprattutto realizzativa, aggravate dal fallo tecnico rimediato da White. “Gap” che rimane di 14 punti al termine dei primi due quarti (49-35).

Terzo Quarto

L’inerzia della gara non cambia nel terzo periodo con il pallino che resta in mano ai biancoblu; Cento imprecisa in attacco e dormiente in difesa. Non può che approfittarne la Fortitudo che grazie ai liberi di Rosselli va a +21 (57-36). Vantaggio che si fa sempre più cospicuo con il passare dei minuti: a 3’30” dalla fine del quarto il punteggio recita 63-40, Baltur non pervenuta sul parquet nel secondo tempo salvo una timida reazione d’orgoglio durante l’ultimo giro di lancette con le triple di Chiumenti e Mays per il 70-53.

Quarto Quarto

Se già il terzo periodo aveva poco da raccontare in termini di emozioni, l’ultimo non è da meno, nelle battute iniziali. La Fortitudo non insiste più di tanto mantenendosi tra i 15 e 20 punti di distacco. White dall’arco dei 6.75 permette ai suoi di ridurre lo svantaggio a 14 lunghezze dopo i primi 3 minuti del quarto quarto (78-64). La tripla di un Cinciarini particolarmente attivo nella seconda frazione rimette in moto la effe, un po’ addormentata negli ultimi minuti sebbene Cento riesca ad approfittarne solo molto parzialmente. 91-66 a 3′ dalla sirena finale con la schiacciata di Pini che sancisce definitivamente la superiorità dei padroni di casa. Ultimi minuti per lo spettacolo, di fatto la partita è chiusa. 93-74 il punteggio finale.

Tabellino: 

Fortitudo: Sgorbati, Cinciarini 15, Mancinelli ne, Franco, Benevelli 18, Leunen 13, Ugochukwu, Venuto 5, Rosselli 10, Fantinelli 1, Pini 22, Hasbrouck 9. All.Martino.

Cento: Ba 4, Mays 19, Fioravanti 6, Chiumenti 17, Reati, Pasqualin ne, Invidia ne, Gasparin 9, Yankiel ne, Manzi ne, White 21. All. Benedetto.

MVP Bolaround: Maarty Leunen (13 punti)

(Foto Valentino Orsini/Fortitudo Bologna)

  • 44
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento