Pulgar è il dodicesimo blucerchiato, la difesa però è da horror. Le pagelle di Sampdoria-Bologna.

Il Bologna continua a scavare. Pesantissimo 4-1 subito a Marassi dalla Sampdoria, i segnali sono di allarme in vista della corsa per la salvezza.

Skorupski 5: da rivedere l’uscita sul terzo goal e probabilmente poteva fare meglio anche sulla quarta rete;

Danilo 5-: lascia ampi spazi nonostante la sua esperienza. Se lo si è sempre considerato il direttore della difesa oggi sicuramente la sua orchestra ha fornito una prestazione orribile;

Calabresi 4,5: si fa saltare come se niente fosse da Caprari sul primo goal mentre sul terzo è colpevole di essere andato in uscita sempre su Caprari al posto di Pulgar. Questo poi apre una prateria davanti a Ramirez; 

Helander 4,5: si lascia superare con esagerata facilità, una leggerezza disarmante;

Mattiello 5,5: la sua spinta palla al piede si infrange sempre contro il muro dei due sampdoriani chiamati a raddoppiarlo. Innocuo;

Poli 5: segna il goal del momentaneo pareggio ma la sua prestazione è costellata da contrasti persi;

Pulgar 4: regala palloni a destra e a manca, compie scelte scellerate ma soprattutto si mostra ancora una volta insofferente. Un Bologna che vuole salvarsi non può permettersi un atteggiamento del genere. Dodicesimo uomo in blucerchiato ieri sera;

Svanberg 5: oggi è stato avulso dalla partita. Per sperare di arrivare a spostare gli equilibri ha ancora molta strada da fare. In una squadra con maggiore qualità avrebbe più tempo di crescere e imparare ma ora il Bologna non può permettersi di non usufruire di quella dello svedese, che indubbiamente è in suo possesso;

Krejčì 5: superficiale in fase difensiva e latitante in quella offensiva. Si mangia un rigore in movimento davanti ad Audero sparando la palla alle stelle. Sul quarto goal invece compie una diagonale da horror;

Nagy NG

Falcinelli 5: assente in area e farraginoso nei movimenti. A gennaio gli va trovata una collocazione;

Santander 6: copre tutti i ruoli ed è l’unico in campo a non volersi rassegnare;

Palacio 6-: entra a partita in corso e a 36 anni come in ogni partita rincorre ogni singolo avversario e ogni singolo pallone;

Orsolini 5: entra e non incide.

 

Fonte immagine in evidenza: bolognafc.it

  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pasquale Laffusa

Interessato sin da piccolo al calcio, esplode l‘amore per il Bologna con il campionato di B che porterà alla promozione. A 9 anni è subito abbonamento, da quel giorno lo rinnoverò orgogliosamente ogni anno a prescindere dalla squadra allestita. Cresciuto a pane, Lanna,Zenoni e Coelho da un paio di anni ho l’hobby della scrittura sul Bologna. Appassionato anche di calcio inglese e in particolare di Everton.

Lascia un commento