Orsolini da la scossa, Dzemaili ancora male: le pagelle di Chievo-Bologna

Un risultato che non soddisfa nessuna delle due squadre. Ottima la solita partenza del Bologna che si porta subito avanti per poi subire una rimonta da un Chievo che rispecchia la posizione di classifica che occupa. Buona la reazione rossoblu nel secondo tempo grazie ai cambi operati da Inzaghi; un pochino di sofferenza nel finale ma senza mai rischiare veramente la sconfitta. Le pagelle ai protagonisti della sfida:

Skorupski 6: Un mezzo errore in uscita per fortuna senza ripercussioni negative. Attento nella ripresa quando il Chievo si fa più pericoloso, sui gol non può farci molto; parate semplici ma efficaci.

Danilo 6: Forzato all’uscita per problemi fisici a 20 minuti dalla fine. Dirige con esperienza la difesa, soprattutto a inizio partita tenendo la linea alta, incolpevole su entrambi i gol (70′ Gonzalez 5,5: Non da la stessa sicurezza del brasiliano ma non commette nemmeno errori grossolani nonostante il Bologna subisca diversi contropiedi insidiosi).

Helander 6,5: Il migliore dei 3 centrali oggi. Decisivi gli anticipi di testa sui rinvii di Sorrentino per stoppare sul nascere le manovre d’attacco avversarie. Non si fa sorprendere quando le squadre si allungano.

Calabresi 5,5: Sul voto pesa il tocco di mano che provoca il rigore del pareggio gialloblu oltre a una non impeccabile copertura della retroguardia (45′ Orsolini 6,5: Il migliore tra i rossoblu. Entra all’inizio della ripresa e subito rende più brioso il gioco. Segna di testa e poi ci riprova più volte su calcio piazzato costringendo il portiere clivense anche ad una parata decisiva. Cambio azzeccato, forse poteva scendere in campo fin da subito).

Mbaye 5: Anche stavolta risulta colpevole sul gol del raddoppio, arriva in ritardo su Obi. Soffre tanto le sgroppate di Kiyine sulla sua fascia, facendosi spesso superare in velocità. Quasi inesistente, come sempre, la fase di spinta sebbene siano note le caratteristiche prettamente difensive del giocatore.

Pulgar 5,5: Non da la fluidità necessaria all’impostazione del gioco, spesso lenta e priva di spunti originali. Anche in fase difensiva commette delle leggerezze.

Dzemaili 5: Da tempo non è più quello di un paio di stagioni fa. Spesso rallenta la manovra con un tocco di troppo, il cambio a fine primo tempo è inevitabile (45′ Poli 5,5: Certamente meglio del capitano anche se non riesce ad incidere significativamente sull’inerzia della gara).

Svanberg 6: Partita sufficiente. La voglia di creare ed impensierire gli avversari non gli manca; si propone molto e chiama spesso il pallone ma poi non riesce ad aggiungere quel qualcosa in più al gioco degli uomini di Inzaghi.

Kreijci 6: Spinta e dinamismo alternati a momenti di black out in cui scompare dalla partita. Suo l’assist per il pareggio di Orsolini.

Palacio 5: Un’altra prestazione opaca del centravanti argentino che non riesce né a rendersi pericolo né a rendere pericolosi i compagni. Lotta fino alla fine ma non basta, non può bastare per un talento del suo calibro.

Santander 6,5: Arrembante nei minuti iniziali come il resto della squadra. Bravo a piazzare il colpo di testa del momentaneo vantaggio e timidamente vicino al raddoppio nella ripresa. Il problema in attacco non è lui.

All.Inzaghi 6: Nell’intervallo ridisegna la squadra azzeccando i cambi, soprattutto quello di Orsolini. L’inizio sprint è sempre molto positivo, molto peggiore, invece, il resto del primo tempo.

ChievoVerona: Sorrentino 6,5; Bani 5, Barba 6, Rossettini 5,5; De Paoli 6, Hetemaj 5,5 (67′ Leris 5,5), Radovanovic 5, Obi 6 (86′ Pellissier s.v.), Kiyine 7 MVP; Meggiorini 6,5 (64′ Birsa 6), Stepinski 5,5. All.Ventura 6

(Fonte Immagine: Bologna fc 1909)

 

 

 

  • 20
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e tifoso rossoblu dal '95. La prima volta che sono andato allo stadio ho visto una partita di Coppa Intertoto: Bologna-National Bucaresti 2-0. Speaker radiofonico a radio1909

Lascia un commento