La Virtus lotta, ma James è implacabile: passa Milano

VIRTUS BOLOGNA – ARMANI EXCHANGE MILANO 79-88

(16-22, 24-17, 24-30, 15-19)

Sono ben 37 gli scudetti in campo al Paladozza per la seconda giornata della LBA 2018-2019. Sia la Virtus che l’Olimpia si presentano a questa sfida reduci da due vittorie tra campionato e coppa. Gli ospiti sono attesi dal back-to back della prossima settimana in Eurolega, ma Coach Pianigiani non ha di certo problemi di rotazione, potendo contare sul roster più profondo della lega.

L’avvio di gara è monopolizzato dalle giocate di Mike James, che mette a segno tutti i primi 9 punti dei suoi. La Virtus però riesce a trovare buone soluzioni offensive, appoggiandosi molto ad un positivo Qvale sotto canestro. Gli ingressi di Gudaitis prima e di Nedovic poi danno un piccolo strappo al match, con l’Armani che chiude con 5 lunghezze di vantaggio al primo mini-intervallo.

Si sblocca finalmente Kevin Punter in apertura di secondo quarto e la Segafredo sembra aumentare la pressione anche in difesa. Il break nei primi 2′ di gioco è di 6-0 per le Vunere, con 4 punti in fila di Kravic, ben servito dai compagni. Gli ospiti riescono a reagire grazie all’impatto sotto i tabelloni del gigante Gudaitis, ma le giocate di Taylor e di Qvale tengono in parità la Virtus (31-31). Il parziale aperto del secondo periodo dice 20-9 per gli uomini di Sacripanti, che vengono trascinati da Qvale e da una tripla di Punter da oltre 7 metri. Da sottolineare la prova del lungo bianconero, già in doppia cifra (12) in una gara così complicata.

All’intervallo il tabellone del Paladozza indica 40-39, con già due uomini in doppia cifra da una parte (Qvale e Taylor) ed uno per l’Armani (Gudaitis a 10). Ottima prova anche di Nedovic tra le fila degli ospiti: decisivo il suo ingresso per ridare lucidità all’attacco milanese nel finale di secondo quarto.

Si riparte con una novità per parte negli “starting five”: Martin per Aradori è la scelta di Sacripanti, Nedovic per Micov per le scarpette rosse. E’ Burns il protagonista in avvio per Milano con 5 punti in fila, ma la Virtus risponde colpo su colpo, grazie a Martin ed al solito Qvale. Il primo vero problema per Sacripanti è il terzo fallo personale proprio del lungo ex Kuban, al momento il migliore dei bolognesi (49-45). Sono James e Burns i punti di riferimento dell’attacco biancorosso, ma dall’altra parte si accende Punter, che colpisce ancora dalla lunghissima distanza, portando i suoi sul 58-54. Le fiammate di Micov e di James tagliano in due la difesa virtussina: 3 triple in fila dell’Olimpia la riportano davanti nel punteggio (62-63), obbligando Sacripanti al timeout.

La terza frazione si chiude sul 64-69, con gli ospiti che riescono ad allungare nel finale grazie al solito Mike James. Bologna fatica invece a trovare conclusioni comode, cadendo spesso in forzature e non trovando il solito apporto da Aradori.

Dopo 3′ di gioco c’è ancora grandissimo equilibrio al Paladozza, con Cournooh che appoggia in penetrazione il 73-72, facendo esplodere i tifosi bianconeri. Pianigiani ferma il gioco, perchè Milano continua a giocare troppo a sprazzi, senza trovare la continuità di cui avrebbe bisogno per trovare il giusto ritmo. Nei momenti di difficoltà degli ospiti però arriva sempre il talento di Vlado Micov, che ci mette lo zampino segnando la bomba per il nuovo vantaggio Olimpia, seguito a ruota da James (73-78). Si entra negli ultimi 2′ di tempo regolamentare con i milanesi avanti 84-77, grazie all’ennesima invenzione di un James stratosferico (26 per lui).

Scorrono i titoli di coda e, tra gli applausi di un Paladozza tutto esaurito, Milano supera la Virtus 79-88.

Quintetto Virtus: Taylor, Punter, Aradori, M’Baye, Qvale

Quintetto Milano: James, Micov, Bertans, Brooks, Burns

Tabellino Virtus: Punter 14, Martin 6, Pajola, Taylor 15, Baldi Rossi, Cappelletti NE, Kravic 6, Aradori 8, Berti NE, M’Baye 7, Cournooh 5, Qvale 18

Tabellino Milano: Della Valle 3, James 26, Micov 11, Gudaitis 14, Bertans, Fontecchio, Nedovic 18, Kuzminskas 2, Cinciarini, Burns 12, Brooks 2

MVP BOLaround: Mike James (26 punti con 11/18 dal campo, 6 assist, 4 rimbalzi e 27 di valutazione)

(Foto Virtus Segafredo Bologna)

 

  • 62
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Strazzari

Grande appassionato di basket sin da piccolo, tifoso Virtus e Bologna Fc. Fondatore di "BOLaround", mi occupo di articoli e interviste relativi al mondo Virtus. Commentatore tecnico delle partite del Basket Progresso Matteiplast Bologna. Attualmente articolista anche presso basketinside.com Fondatore BOLaround

Lascia un commento