Virtus, Sacripanti: “Loro sono i migliori, ma mi piace dare l’idea alla squadra di poter vincere contro tutti”

Alla vigilia del “derby d’Italia” tra Virtus e Milano ha parlato il coach bianconero Sacripanti, cercando di analizzare gli aspetti chiave della sfida. Appuntamento al Paladozza con palla a due alle 17.30. Entrambe le squadre hanno vinto all’esordio in campionato (l’EA7 ha superato Brindisi) e anche in Europa hanno raccolto i due punti. Di seguito le dichiarazioni dell’allenatore della Segafredo.

“Andiamo a giocare contro i migliori del nostro campionato, ieri hanno vinto in coppa in trasferta in maniera autoritaria e solida. Può darci indicazioni importanti sul nostro lavoro, in questo momento credo non siano alla perfezione ma ci sono molto vicino. Squadra di livello fisico, tecnico, atletico e numerico di alto livello, meglio di così è difficile. Se giochiamo anche solo un minuto senza energia nervosa, fisica, senza aggressività, non c’è partita. Se saremo bravi a giocare 40′ quello che abbiamo preparato, senza cali e con intensità e una buona padronanza del campo potremo far la nostra partita, non vuol dire che vinceremo.

Credo sia importante ricordare che è un derby d’Italia tra due formazioni  importanti. Una la fa da padrone in Italia come forza, noi vogliamo vedere se saremo in grado di competere. Sfida bella ed emotivamente molto interessante.

Noi siamo un cantiere ancora molto aperto, dobbiamo essere bravi nel continuare a perseguire gli obiettivi tecnici tattici, se ci focalizziamo su questo non penso che ci sia minimamente da caricare l’ambiente. Dobbiamo andare avanti per la nostra strada, sappiamo che non siamo favoriti, non siamo stupidi, ma mi piace dare il pensiero fisso alla squadra che noi ogni partita andiamo per vincerla.

Conta poco giocare 5 partite in 9 giorni, potrebbe contare che giocano il venerdì e poi la domenica. Non credo che selezionino, potrebbero avere problemi verso la quinta. Ma hanno un roster così forte che gli permette di alternare tanto. La partita di ieri ha dato sicuramente consapevolezza a Milano, hanno dominato per 40′, non credo che questo possa influenzare.

Punti deboli loro? Credo che nelle rotazioni può essere che qualcosa si possa incrinare. Noi stiamo facendo un percorso. Questa partita è un grande aiuto, sia in positivo che in negativo. Può sembrare una scusa, ma con la Fortitudo avevamo tutto da perdere, ma ci è servito giocare con della tensione davanti al nostro pubblico. Con Milano abbiamo tutto da guadagnare, ma a me interessa fare la nostra partita nella prestazione, non tanto nel risultato. Hanno punti di forza indiscutibili, mi sembra che abbiano fatto uno step verso l’alto rispetto all’anno scorso. Non dobbiamo partire battuti assolutamente, vorrei vedere 40′ come i 10′ in cui abbiamo girato la partita in coppa.

Su Punter: “Kevin lo seguo da tempo, giocava in Polonia poi dopo è passato all’AEK. Non mi sorprende che possa diventare un giocatore di altissimo livello. Ha quella luce negli occhi, quella brillantezza di crearsi un tiro da solo, quello me lo aspettavo. A livello emotivo credo che tutta la squadra sia sul pezzo, non solo lui. Dobbiamo togliere quei momenti in cui non riusciamo ad andare troppo insieme, tutti stanno partecipando in maniera molto costruttiva.”

(Foto Sito Ufficiale Virtus Segafredo Bologna)

 

 

  • 25
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Strazzari

Grande appassionato di basket sin da piccolo, tifoso Virtus e Bologna Fc. Fondatore di "BOLaround", mi occupo di articoli e interviste relativi al mondo Virtus. Commentatore tecnico delle partite del Basket Progresso Matteiplast Bologna. Attualmente articolista anche presso basketinside.com Fondatore BOLaround

Lascia un commento