La Fortitudo con un immenso Leunen piega 73-75 Casale e vince la Supercoppa LNP 2018

NOVIPIU’ CASALE – LAVOROPIU’ BOLOGNA
73-75

(20-18, 25-28, 10-1618-13)

Dopo la convincente vittoria di ieri in semifinale contro la Derthona Basket per 75-89, la Fortitudo si deve confermare affrontando l’ultimo ostacolo prima di poter portare a casa la Supercoppa LNP, già vinta nella stagione 2016/2017. Quest’ultimo ostacolo risponde al nome della Novipiù Casale Monferrato, che da queste parti revoca brutti ricordi per via dell’eliminazione in semifinale ai danni della squadra allora allenata da Gianmarco Pozzecco.

Prepartita:

La Fortitudo arriva alla finale sempre orfana di Daniele Cinciarini e con un Mancinelli che non potrà dare neanche i pochi minuti giocati ieri (solo quattro nella semifinale) per via precauzionale dato l’infortunio al ginocchio  non ancora smaltito completamente.
La Novipiù, come del resto la Fortitudo, è una squadra quasi totalmente cambiata, a partire dalla guida tecnica (rescisso il contratto con Ramondino, al suo posto Mattia Ferrari) passando per sole quattro conferme dallo scorso roster, quali Capitan Martinoni, Cattapan ed i giovani Valentini e Denegri ed arrivando a nuovi innesti su tutti quello di Bernardo Musso (ex Treviso che proprio contro i veneti ha deciso la semifinale di ieri con una bomba a 3 secondi dalla sirena), ma anche quelli di Tinsley e Pinkins. Insomma una squadra per lo più da scoprire, ma che già nella giornata di ieri ha fatto vedere buone cose.

Cronaca:

Fortitudo che conferma il quintetto iniziale di ieri con Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Leunen e Pini. Dall’altra parte Ferrari schiera Musso, Tinsley, Denegri, Pinkins, Martinoni. Inizio sprint di Guido Rosselli che con un tiro in allontanamento ed un contropiede di potenza mette a segno il primo vantaggio biancoblu. Subito ricucito dalla coppia USA casalese: Tinsley e Pinkins. Ottimo inizio per la squadra piemontese, dopo 4′ di gioco punteggio sul 12-6 e Martino è costretto ad interrompere il gioco con un time-out. Al rientro in campo Leunen accorcia le distanze, ma Bernardo Musso con un fendente dall’angolo ricaccia indietro i bolognesi. Entra Venuto e si mette in partita subito con una tripla importantissima che, complice l’appoggio a canestro sulla sirena di Maarty Leunen (miglior marcatore della Effe fino ad ora con 7 punti segnati) permette ai biancoblu di rimanere a contatto in un primo quarto molto equilibrato che si chiude sul punteggio di 20-18.

Inizia il secondo quarto, entra Benevelli per Leunen e spende subito due falli per fermare due attacchi pericolosi di Capitan Martinoni in post sotto canestro. Al secondo minuto di gioco azione magistrale: Rosselli imposta, palla sotto a Pini che la scaraventa in angolo per un Marco Venuto a dir poco perfetto che trasforma da tre (contando anche ieri siamo a 6/8 per il play/guardia friulano). La Fortitudo perde due palloni sanguinosi, Casale ringrazia e conclude in contropiede: 33-28 a metà quarto e time-out biancoblu. Fase di stallo della partita, per due minuti non si vedono canestri da ambo le parti, poi un mismatch favorevole a Valentini, marcato da Benevelli, gli consente di trasformare un tiro da tre che porta a +6 i ragazzi di Ferrari. Hasbrouck con il suo classico step-back che sa di sentenza riporta i suoi a -3 (40-37). Ancora Rosselli a sfornare assist per Pini che appoggia facile. La Fortitudo è viva e con il solito Kenny Hasbrouck torna sopra. Pinkins segna da tre, 10 secondi all’intervallo e palla in mano al più intelligente di tutti, proprio Leunen che segna, con la facilità di un esterno, il tiro che porta la Fortitudo negli spogliatoi sul risultato di 45-46.

Il terzo periodo parte molto blandamente, attacchi che non concludono e quando lo fanno, lo fanno male. Dopo cinque minuti il punteggio dice 5-5: da una parte tripla di Musso dall’altra Fantinelli risponde freddamente.
Partita che si accende improvvisamente dopo una chiamata dubbia degli arbitri che fa infuriare coach Martino (richiamato ufficialmente per l’occasione) e tutto il pubblico dell’aquila. Si viaggia sempre pari. E’ Gio Pini che con una tripla (non propriamente il suo marchio di fabbrica) ed un gioco da tre punti ,anche se non trasformato ugualmente importante, porta i suoi sul +5 a 2′ dall’ultimo mini-intervallo. Benevelli incrementa il vantaggio e si va verso l’ultimo periodo sul 55-62.

Iniziano gli ultimi 10 minuti di questa finale con un appoggio a canestro di capitan Martinoni che prova a rialzare la propria squadra. Musso e Valentini accettano l’invito del proprio capitano e con due triple riportano a -4 i piemontesi (63-67 a 7′ dal termine). Benevelli sfrutta un errore assurdo della difesa di coach Ferrari, ma ancora una volta Musso punisce la Fortitudo da tre (66-69 con 4′ da giocare). E’ una finale e per questo c’è da soffrire fino alla fine, Martinoni appoggia il -1. Benevelli e Rosselli non si capiscono e mandano in contropiede Musso, Fantinelli gli conede il tiro da tre in transizione, ma l’italoargentino sbaglia il possibile +2. Chi se non un fenomenale Maarten Leunen a togliere dagli impicci la Fortitudo? Hasbrouck gli lascia la patata bollente tra le mani a 2 secondi dalla sirena dei 24, lui prende, palleggia e mette a segno un tiro pazzesco per il +5 biancoblu.
Casale non muore mai, Musso non è sazio completamente: altro giro, altro tiro, altro regalo (come direbbe il grande Flavio Tranquillo). L’attacco successivo della Fortitudo non va a segno e sul ribaltamento Martinoni la pareggia: 73-73 a 37″ dalla fine e time-out Fortitudo. Al rientro dal minuto Hasbrouck sbaglia il primo tiro, rimbalzo prezioso di Benevelli ed ancora palla alla guardia americana che in entrata segna. Finale non adatto a chi soffre di tachicardia come sempre. Fantinelli spende due falli per interrompere l’attacco casalese. L’ultimo tiro è affidato a Pinkins che spara invano da tre. La partita finisce 73-75 e la Fortitudo si aggiudica la seconda Supercoppa LNP, prendendosi anche una piccola rivincita. Ottima due giorni da parte dei ragazzi di coach Antimo Martino che sono pronti all’esordio in campionato, che avverrà Domenica prossima al AGSM Forum contro la Tezenis Verona alle ore 12 con diretta su Sportitalia.

Tabellini:

Novipiù Casale Monferrato: Tinsley 8, Banchero, Musso 15, Valentini 14, Cesana 2, Denegri 3, Battistini, Martinoni 17, Pinkins 14, Cattapan, Giovara, Lazzeri  ALL. Ferrari

Lavoropiù Fortitudo Bologna: Sgorbati, Cinciarini, Mancinelli, Franco, Benevelli 9, Leunen 19, Prunotto, Venuto 8, Rosselli 8, Fantinelli 6, Pini 15, Hasbrouck 10 ALL.Martino

Foto pagina Facebook Lega Nazionale Pallacanestro

  • 29
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Andrea Fanti

Nato nel 2002, studio al Liceo Copernico di Bologna. Appassionato di calcio fin da piccolo seguo il Bologna da quando ho 5 anni, il basket è entrato nella mia vita un po' dopo, quando avevo 9 anni che ho iniziato a praticarlo. Oggi sono abbonato sia a Bologna che a Fortitudo. A Novembre mi è arrivata la proposta di entrare a far parte della redazione di BOLaround ed ho accettato subito, da quel giorno mi occupo di Fortitudo e qualche volta di Virtus scrivendo e presenziando ai post partita casalinghi.

Lascia un commento