La Fortitudo riaccende i motori ed ingrana subito la marcia giusta, sconfitta Tortona con un netto 75-89

BERTRAM TORTONA – LAVOROPIU’ BOLOGNA
75-89

(12-22, 13-20, 23-26, 27-21)

Dopo quel maledetto 4 Giugno che ha sancito la fine della stagione 2017/2018 della Fortitudo in quella sciagurata gara-4 di semifinale per mano di Casale Monferrato, oggi quasi 4 mesi dopo e con tantissimi cambiamenti, finalmente si torna in campo per giocare un’altra semifinale questa volta valida per la Supercoppa LNP giunta alla sua terza edizione. Si gioca in casa per i ragazzi di coach Antimo Martino (prima novità di questa nuova stagione), che in un PalaDozza caldo come sempre dovranno battere la Bertram Tortona allenata da coach Lorenzo Pansa e detentrice della Coppa Italia LNP.

Prepartita:

La Fortitudo arriva alla sfida con un po’ di acciacchi fisici: non sarà della partita Daniele Cinciarini, mentre è recuperato in extremis capitan Mancinelli, ma sarà interessante vedere come Martino, dopo un pre-campionato a dir poco perfetto con 6 vittorie su 7 partite (unica sconfitta il derby impari contro la Virtus Bologna), riuscirà ad amalgamare il nuovo roster composto da nuovi innesti come Fantinelli, Hasbrouck, Leunen, Venuto, Benevelli e Sgorbati, e completato dalle conferme come Mancinelli, Rosselli, Pini e l’infortunato Cinciarini.
Dall’altra parte ci saranno parecchie vecchie conoscenze come Mirza Alibegovic (ex Brescia), Gabriele Spizzichini (ex Virtus) e Brett Blizzard (ex Virtus, ma soprattutto ex Casale che tanto male fece ai biancoblu lo scorso campionato). Non sarà aggregato alla squadra per infortunio l’altro ex Klaudio Ndoja, l’anno scorso capitano delle Vu Nere in seguito all’addio di Rosselli.

Cronaca:

Non c’è mai partita al PalaDozza, con una Fortitudo che ha sempre in mano la partita e non molla mai la presa fino alla fine. Raggiunge anche picchi di +23. MVP della partita è un grande Kenny Hasbrouck che con 19 punti e con un 4/7 da tre punti si merita la palma di migliore in campo. Ottime le prove anche di Leunen e Venuto (4/5 da tre) quest’ultimo chiamato a sostituire per larghi tratti della gara Matteo Fantinelli, un pò in ombra quest’oggi.

La Fortitudo parte con Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Leunen e Pini; risponde Tortona con Knowles, Tuoyo, Alibegovic, Gergati e Garri. I primi punti della partita e quindi della stagione sono di Pini e Hasbrouck, l’americano conclude una bell’azione con un tiro da tre dall’angolo. Dopo 4 minuti di gioco la Effe mette a segno il primo parziale: un secco 10-0 che costringe Pansa a chiamare time-out. I biancoblu si dimostrano fin da subito di un livello superiore e, nonostante capitan Garri infili con una tripla i primi punti piemontesi, Rosselli e Pini rimettono in chiaro le cose: 5-14 a 3′ dal primo mini-intervallo. Cambia quintetto coach Martino inserendo Venuto, Sgorbati, Benevelli e Mancinelli, ma l’antifona non cambia di molto, si scaldano le mani di Venuto da una parte e di Blizzard dall’altra (unico cesto di serata per lui) ed il primo quarto si chiude 12-22 per i bolognesi. Il tabellino delle valutazioni dopo appena un quarto fa segnare un netto divario: Fortitudo 32, Tortona 7.

Il secondo periodo si apre con una Tortona arrembante guidata da Tuoyo e col solito Garri (unica luce nella squadra piemontese) si riporta fino al -6, ma Hasbrouck non ne vuole sapere ed infila un tiro dai 6,75 che a metà quarto fissa il punteggio sul 19-30. Pansa è costretto a chiamare un altro time-out perché la Fortitudo è dilagante. Rosselli di potenza trasforma il +13 a 4′ dall’intervallo. Si iscrive alla lista dei marcatori anche Matteo Fantinelli con i suoi primi punti fortitudini. Nelle azioni seguenti solo attacchi imprecisi per la Derthona Basket mentre la Fortitudo addirittura sul +19 (21-40) si permette di provare a spettacolizzare la partita con Rosselli che lancia in alley-hoop Gio Pini che però sbaglia l’appoggio. Non c’è storia al PalaDozza, si va all’intervallo lungo sul risultato di 25-42.

Al rientro dagli spogliatoi, subito azione di contropiede per i bianconeri, il pallone capita in mano all’ex Virtus Spizzichini che incredibilmente in 2vs0 perde il pallone, sul ribaltamento di fronte la Fortitudo segna con Maarty Leunen. Rispondono Alibegovic, con una delle sue triple (che tanto male fecero alla Effe nella serie finale di due anni fa quando il serbo militava a Brescia) ed il suo compagno Tuoyo e dopo 2′ riaccendono per quanto possibile la gara: 31-44. Si scaldano i polpastrelli da ambe le parti: prima Hasbrouck, poi Knowles e poi due triple secche di Leunen che ricacciano indietro Tortona: time-out sul massimo vantaggio, 34-57 a metà del terzo periodo. Da qui all’ultimo mini-intervallo da segnalare un paio di triple di Rosselli e del solito Hasbrouck. Da riportare anche un buon terzo periodo di Alibegovic che mette a segno 11 punti, mentre giornata nera per Brett Blizzard. Il terzo quarto si chiude sul +20 per la Fortitudo: 48-68.

Cominciano gli ultimi 10 minuti, senza particolari acuti inizialmente. Biancoblu che allungano con un 4-0 firmato Sgorbati. Tuoyo prova a salvare almeno l’onore dei suoi con un gioco da tre punti trasformato, ma ancora un caldissimo Giacomo Sgorbati realizza anche lui un 2+1 dopo un attacco di prepotenza al ferro. Si viaggia sempre sul +20 con qualche ultimo sossulto piemontese con un tiro dall’arco messo a segno da Gergati, a 6′ dalla fine 57-74. Da segnalare i 5 falli spesi da Matteo Fantinelli con al suo posto un ottimo Venuto a giocare gli ultimi 4 minuti di questa che sembra più il proseguo del pre-campionato estivo che non invece una partita ufficiale. Nula da aggiungere, non succede molto da qui alla fine, i biancoblu non cedono un colpo e questo è un buon segno in vista del ravvicinato inizio di campionato.
Finisce 74-89 per una grande Fortitudo che domani alle 21 affronterà Casale Monferrato (che alle 18.30 ha sconfitto sulla sirena Treviso 91-90) nella finale che avrà un forte sapore di rivincita per gli uomini di coach Antimo Martino.

Tabellini:

Bertram Tortona: Knowles 8, Tuoyo 14, Alibegovic 18, Cremaschi, Ganeto 4, Blizzard 9, Buffo, Ugolini NE, Garri 15, Lusvarghi, Gergati 5, Spizzichini 2 ALL. Pansa

Lavoropiù Bologna: Sgorbati 9, Cinciarini, Mancinelli 2, Franco, Benevelli 4, Leunen 14, Prunotto, Venuto 12, Rosselli 15, Fantinelli 2, Pini 12, Hasbrouck 19 ALL. Martino

(Foto LNP/Ciamillo-Castoria)

  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Andrea Fanti

Nato nel 2002, studio al Liceo Copernico di Bologna. Appassionato di calcio fin da piccolo seguo il Bologna da quando ho 5 anni, il basket è entrato nella mia vita un po' dopo, quando avevo 9 anni che ho iniziato a praticarlo. Oggi sono abbonato sia a Bologna che a Fortitudo. A Novembre mi è arrivata la proposta di entrare a far parte della redazione di BOLaround ed ho accettato subito, da quel giorno mi occupo di Fortitudo e qualche volta di Virtus scrivendo e presenziando ai post partita casalinghi.

Lascia un commento