MotoGP Red Bull Ring, uno strepitoso Lorenzo batte Marquez e Dovizioso: “una parte del mio cuore sarà sempre ducatista”

Un Jorge Lorenzo da paura vince la terza gara stagionale al Red Bull Ring, che rimane “pista Ducati”, e continua a mandare messaggi d’amore verso il popolo ducatista.

Secondo Marc Marquez che porta a casa 20 punti importantissimi in ottica mondiale. Chiude il podio Andrea Dovizioso.

L’analisi della gara

Lorenzo, che scattava dalla prima fila grazie al terzo tempo ottenuto in qualifica, ha scelto di partire con entrambi gli pneumatici soft per la gara, optando per una strategia di attesa senza tentare la fuga. Dopo essere transitato in prima posizione sul traguardo del primo giro, il pilota maiorchino è stato superato da Marquez e lo ha seguito fino al diciottesimo passaggio insieme a Dovizioso. Ripreso il comando della gara nel giro successivo, Jorge ha lottato con il pilota Honda fino alla fine della gara, tagliando il traguardo con un vantaggio di 130 millesimi dopo una serie di fantastici sorpassi.

Marc Marquez si è dovuto arrendere alla potenza della Ducati nel circuito di Spielberg, ma non senza provarci. Il leader del mondiale avrebbe potuto accontentarsi di un podio senza rischiare nulla, ma ha preferito regalarci un bellissimo spettacolo lottando fino all’ultimo giro con Lorenzo per conquistare la vittoria finale. Alla fine torna a casa con 20 punti e il primato in classifica rafforzato.

Deluso Andrea Dovizioso, terzo al traguardo. Il pilota romagnolo, che scattava dalla seconda casella, ha scelto erroneamente le gomme medie per la gara ed è rimasto nel gruppo di testa per diciotto giri ma, dopo aver commesso un piccolo errore alla prima curva, ha dovuto alzare il suo ritmo anche a causa del consumo eccessivo delle sue gomme.

Fuori dal podio sono arrivati in ordine Cal Crutchlow, Danilo Petrucci e Valentino Rossi. Quest ultimo è stato costretto ad una faticosa rimonta dalla quattordicesima posizione di partenza, in un weekend da dimenticare per tutte le Yamaha. Il compagno di squadra, infatti, ha chiuso al dodicesimo posto a 23 secondi da Jorge Lorenzo, mentre Johann Zarco è arrivato 9° a +20.760.

Male gli altri italiani con Iannone tredicesimo (+26.523) e Morbidelli diciannovesimo (+40.171).

Grazie alla vittoria di oggi Lorenzo sale al terzo posto nella classifica generale piloti con 130 punti, seguito dal compagno di squadra Dovizioso (129 punti), mentre Marquez allunga a +59 punti il suo distacco su Rossi. La Ducati si aggiudica la terza vittoria consecutiva al Red Bull Ring da quando la MotoGP è tornata sul circuito austriaco (2016 Iannone, 2017 Dovizioso e 2018 Lorenzo).

Race classification

Classifica motomondiale

Le parole dei protagonisti

Jorge Lorenzo: “Non so se ho perso qualche anno di vita per la tensione della gara sicuramente qualche mese, ma ne è valsa la pena. Si tratta di una delle vittorie migliori della mia carriera ma non la migliore, con Ducati resta speciale la prima al Mugello. […] Adesso siamo terzi in campionato, ma sono soprattutto orgoglioso e molto contento di come stiamo lavorando perché mi trovo sempre meglio con la moto e credo che potremo lottare per la vittoria in molte altre gare. Dobbiamo goderci questo momento con tutta la squadra e sono molto felice anche per loro. […] Questo matrimonio sarà ricordato come molto forte, sono stati due anni di passione con alti e bassi, una parte del mio cuore sarà sempre ducatista.

Marc Marquez: “Ho dato tutto ciò che avevo dentro. Pensavo di avere un buon margine, invece la gomma è calata e Jorge è riuscito a colmare il gap. Sono comunque soddisfatto, perché ho aumentato il vantaggio in Campionato”.

Andrea Dovizioso: “All’inizio della gara purtroppo non sono mai riuscito ad entrare veramente nella lotta per il primo posto, perché non riuscivo a passare Jorge anche se in quel momento della gara ero più veloce di lui, e per provarci ho usato troppo la gomma posteriore che è calata molto. Da quel punto in poi non ho potuto più fare molto perché non riuscivo più a raccordare bene le curve. Peccato, perché in frenata eravamo abbastanza forti, ma ogni gara ha la sua storia e dobbiamo riuscire sempre ad interpretare meglio le gomme.”

MotoGP podium

Bagnaia e Bezzecchi vincono e comandano le categorie minori

In Moto3 Marco Bezzecchi domina e vince davanti a Enea Bastianini e Jorge Martin, terzo nonostante siano passati appena 7 giorni dalla frattura al polso rimediata a Brno. L’italiano ora si trova a +12 sullo spagnolo nella classifica generale.

Gara molto tesa in Moto2 con i due pretendenti al titolo che si sono sfidati a distanza fino agli ultimi giri, in cui hanno combattuto a denti stretti per portarsi a casa vittoria e leadership del mondiale. Ad avere la meglio questa volta è stato Pecco Bagnaia grazie ad un sorpasso all’ultima curva su Miguel Oliveira. Terzo Luca Marini, in uno stato di forma fantastico, davanti a Mattia Pasini.

 

Prossimo appuntamento il 26 Agosto a Silverstone (vedi calendario).

 

Sources:

  • 19
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento