Vettel domina in Canada e conquista la vittoria N° 50 in carriera

Sebastian Vettel ritorna alla vittoria a Montreal in ricordo di Villeneuve, vincitore 40 anni fa.

Una gara perfetta quella di Seb, comandata dal primo all’ultimo giro e sorprendentemente riesce a  ritornare in testa al mondiale di 1 pt a causa del pessimo quinto posto di Lewis Hamilton(mai veramente in gara e con un piccolo problema al motore di cui non se ne conosce l’entità.) Completano il podio Valterri Bottas e Max Verstappen.

La rossa con questa vittoria da una svolta alla propria stagione, infatti ritorna a vincere partendo dalla pole position utilizzando la seconda unità motoristica evoluta( non utilizzata da Raikkonen perché già in uso la seconda PU). Tuttavia non è tutto oro quello che luccica infatti nota stonata del weekend in casa Ferrari è proprio Kimi Raikkonen,oltre all’errore nella Q3 di sabato, oggi non è mai stato veramente in gara ed in grado di impensierire la quinta posizione di Lewis Hamilton. Urge capire le motivazioni di queste prestazioni sottotono del secondo pilota della casa di Maranello e porvi rimedio poiché serviranno anche i suoi punti  per recuperare in classifica costruttori il gap con la Mercedes (18 punti).

Vero sconfitto del Weekend è senz’altro Lewis Hamilton, mai in grado di attaccare Ricciardo  e  in difficoltà con le prestestazioni della sua Mercedes. Le sensazioni sono che con i recenti aggiornamenti la Ferrari abbia preso un piccolo ma importante Gap prestazionale, servirà rimboccarsi le mani e portare i nuovi aggiornamenti direttamente in Francia per ritornare  a competere per la vittoria. Anche perché le Redbull iniziano a fare paura, non solo nei circuiti ad alto carico aerodinamico.

Buona gara per Bottas, che in partenza riesce a tenere dietro la RedBull di Verstappen ( con mescola più prestazionale, Hypersoft), anche se paga spesso e volentieri qualcosa da Vettel conquista un ottimo secondo posto per la Mercedes.

Buona gara anche per Max che smentisce gli scettici e compie una gara pulita  senza sbavature, pur senza impensierire mai Bottas. Per tutto il weekend però batte il suo compagno di scuderia e gli finisce davanti per l’ultimo gradino del podio. Con un Vettel così può ritenersi soddisfatto.

 

 

Cronaca:

Partenza regolare per tutti ad eccezione di  Raikkonen che si fa sorprendere da Ricciardo (aiutato anche dalla mescola Hypersoft, più prestazionale per i primi giri rispetto all’ultrasoft di Kimi). Alla curva 7 vi è un incidente fra Lance Stroll e Brandon Hartley che provoca la safety car, fortunatamente nessuna conseguenza per i piloti..

La tattica delle RedBull con le Hypersoft non paga perchè non riescono ad avere il gap prestazionale desiderato. Vettel prende quei 5/6 secondi che lo accompagneranno per tutto il gran premio, secondo più secondo meno..

Il Cavallino resta in pista più a lungo della concorrenza, segno di un ottimo bilanciamento e poca usura dei pneumatici, nel frattempo Hamilton accusa qualche piccolo calo di potenza al motore che non gli permette di attaccare a piena potenza la RedBull di Ricciardo.

Gara priva di sorpassi, fatta di tanta tattica e basata sull’usura delle gomme.

Da segnalare il ritiro di Alonso al suo 300° Gp per la rottura degli scarichi della sua monoposto e un altra ottima prestazione, quella di Charles Leclerc che arriva 10° e porta a casa un altro punto per la Sauber.

Giallo Finale:

Per errore la modella Winnie Harlow ha sventolato la bandiera a scacchi un giro prima, il 69°, quindi il risultato è stato omologato al 68° giro poichè  per l’articolo 43.2 del regolamento sportivo della F.1 che dice “Se per qualsiasi ragione il segnale di fine gara viene dato prima che il leader abbia completato il numero programmato di giri, la gara verrà considerata terminata quando il leader ha superato per l’ultima volta la linea del traguardo prima che il segnale sia stato dato“. Nulla sarebbe cambiato comunque per le posizioni, ma bella figura di Liberty Media.

La Harlow si è poi scusata: “Mi hanno detto di sventolare e l’ho fatto”.

Momento Trash: Le stelline della Heineken in partenza sono qualcosa di inguardabile.

 

L'immagine può contenere: una o più persone

 

  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alessandro Cucchi

Studente di Informatica, tifosissimo di Fortitudo e Bologna. Appassionato di motori e in generale la grande maggioranza degli sport. Gioco anche a Frisbee nei Discobolo Pontevecchio Bologna.

Lascia un commento