SBK, a Buriram tornano a vincere Rea e Davies

Il secondo round del mondiale Superbike, dopo la doppietta di Melandri in Australia, ha parzialmente ristabilito le gerarchie, riservando però anche qualche sorpresa.

Il campione del mondo Jonathan Rea era chiamato al riscatto in uno dei suoi tracciati preferiti ed è riuscito a conquistare la vetta della classifica nonostante abbia disputato una seconda manche non entusiasmante.

Gara 1

Il sabato del pilota britannico è stato perfetto: dopo aver messo il sigillo sulla Superpole ha fatto la voce grossa in gara difendendo la prima posizione nei primi giri e arrivando in solitaria al traguardo. Prima vittoria stagionale per lui e per Kawasaki.

Al secondo posto è arrivato a sorpresa Xavi Forès, carico dall’ottima prestazione a Philips Island. Lo spagnolo ha disputato una buonissima gara in crescita risultando la migliore Panigale in pista, nonostante guidi una moto satellite.

Chaz Davies ha centrato un ottimo terzo posto in rimonta dalla nona posizione in griglia. Il pilota Ducati ha scalato la classifica caparbiamente fino a portarsi al terzo posto a due giri dal termine ai danni della Honda di Leon Camier (4°), per poi difenderlo fino al traguardo.

Quinto ha chiuso Lowes con la Yamaha del team Pata, davanti alla Kawasaki di Tom Sykes (6°), troppo distante dal suo compagno di squadra Rea.

Sabato amaro per il leader della classifica Marco Melandri che si è dovuto accontentare dell’ottava posizione al traguardo a causa di problemi in alcuni settori della pista.

Gara 2

Nella seconda gara del weekend i pronostici davano per favorito ancora una volta Jonathan Rea, detentore di 6 vittorie nelle 7 gare disputate in questo tracciato, ma la pista ha riservato molte sorprese.

Ducati è tornata sul gradino più alto del podio con Chaz Davies che ha centrato una splendida vittoria in solitaria partendo dalla terza fila. Per il gallese, che ha preso il comando nel corso del settimo giro per poi staccarsi progressivamente dal gruppo degli inseguitori, si tratta del primo successo del 2018 e 28º in carriera. Una vittoria particolarmente significativa perché conquistata su una pista storicamente ostica a Ducati e favorevole a Kawasaki.

Stranamente entrambi i piloti Kawasaki sono finiti fuori dal podio, forse penalizzati troppo dalle limitazioni inflitte con il nuovo regolamento. Quarto ha concluso Jonathan Rea, limitato dal proprio motore sul rettilineo che lo ha costretto a commettere molti errori cercando staccate brusche. Tom Sykes è stato costretto al ritiro per un problema tecnico.

Grande festa nel box Yamaha dopo la splendida gara di Van der Mark (2°) e Lowes (3°). L’olandese è stato l’ultimo ad arrendersi a Davies arrivando a soli 2 secondi di distacco, mentre Lowes è riuscito a difendersi da vari attacchi nel corso della gara e a conquistarsi il gradino più basso del podio.

Gara 2 non ha invece riservato i risultati sperati per Marco Melandri (7°), che ha accusato alcuni problemi. Il ravennate ha mostrato grande grinta lottando nel gruppo di testa nelle prime fasi ed effettuando diversi sorpassi, salvo poi dover rallentare il ritmo e chiudere settimo al traguardo. Risultato che non gli consente di mantenere la testa della classifica, ora in mano al solito Jonathan Rea. Weekend da dimenticare per lui.

Domenica non sono mancati neanche gli attimi di paura, quando al quinto giro Eugene Laverty è stato travolto dalla MV Augusta di Jordi Torres. Non ci sono immagini video disponibili ma dopo l’incidente il pilota Aprilia è rimasto immobile e sul momento si è pensato al peggio. Per fortuna dopo essere stato trasportato all’ospedale di Buriram è stata evidenziata “solo” una piccola frattura al bacino in cui non è necessario l’intervento chirurgico. Da valutare i tempi di recupero, ma il peggio è stato scongiurato.

 

La classifica

Dopo 4 manches disputate ci sono già stati 3 vincitori diversi: i due piloti Ducati Aruba e Rea sulla Kawasaki.

Il campione del mondo Rea ha conquistato la vetta della classifica, scavalcando Marco Melandri di 2 punti. Terzo troviamo la sorpresa di questo inizio campionato, ovvero Xavi Forès sulla Panigale del Barni Racing Team, a -9 dal primo e a +3 da Chaz Davies, quarto con 57 punti e già una caduta all’attivo.

In quinta e sesta posizione ci sono le due Yamaha di Lowes e Van der Mark, davanti a Tom Sykes (7° con 43 punti).

Ottavo Camier con la Honda e nono Baz con la BMV. Dodicesima l’MV Augusta di Torres dietro a Laverty, prima Aprilia in classifica.

Classifica e statistiche 

 

 

Si tornerà in pista ad Aragon (Spagna) per il terzo round del Campionato Mondiale Superbike 2018, in programma dal 13 al 15 aprile.

 

Sources:

  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.

Lascia un commento