Test MotoGP, Giorno 3: Lorenzo da record! Secondo Pedrosa, poi Crutchlow e Dovizioso

Dopo le difficoltà riscontrate durante la scorsa stagione, il binomio Lorenzo-Ducati sembra iniziare ad ingranare. La giornata del 5 volte campione del mondo è iniziata con una scivolata senza conseguenze, ma rientrato in pista ha effettuato un giro praticamente perfetto passando sul traguardo con un incredibile 1’58’’830, record della pista. Fenomenale sul giro secco, nel pomeriggio ha potuto concentrarsi sul passo gara, risultando sempre molto veloce.

Queste le parole di Jorge Lorenzo: “Non è stato un giro perfetto, quello non esiste, solo un gran giro. […] Io sono lo stesso pilota di un anno fa, ma ora capisco di più la moto. A Borgo Panigale hanno lavorato molto, migliorando i punti deboli della Desmosedici. Direi che è il risultato degli sforzi di entrambe le parti. Sono orgoglioso di questo passo avanti, la nuova moto è un capolavoro. […] Non ho mai avuto dubbi sul mio potenziale, anche quando faticavo e finivo le gare fuori dai 10. Ho sempre pensato che fosse una questione tempo e di adattamento, di fare una moto che fosse migliore per il mio stile di guida”.

L’altra Ducati del team ufficiale si trova quarta a 339 millesimi di distacco. Andrea Dovizioso, scivolato anche lui in mattinata, ha continuato il lavoro di comparazione tra forcella con componenti in alluminio e carbonio iniziato negli scorsi giorni, rinunciando alla ricerca del giro veloce ed alla simulazione di corsa.

Secondo si è piazzato Dani Pedrosa, che si è dimostrato sempre veloce e costante da domenica ad oggi. Il pilota Honda si sente soddisfatto del lavoro suo e del team: “Abbiamo lavorato molto bene in questi tre giorni, rispettando il programma e confrontando le due versioni di motore. Il telaio, invece, di base non è cambiato. Oggi abbiamo messo insieme il meglio degli ultimi giorni, spingendo sia nel singolo giro sia sulla distanza. Sensazioni positive anche per la nuova carena”. Chiude il podio Cal Crutchlow.

Il campione del mondo Marc Marquez ha concluso i test in settima posizione, ma con un ottimo passo gara, davanti a Valentino Rossi e Johan Zarco. Viñales fuori dai primi dieci. I piloti Yamaha sono comunque nel complesso rimasti contenti e fiduciosi della strada intrapresa, dopo la brutta stagione trascorsa.

Da citare anche gli esordienti Takaaki Nakagami, quattordicesimo a 1.241 dalla vetta, e Franco Morbidelli, diciassettesimo con un distacco di 1.696 dal primo.

I tempi combinati dei 3 giorni di test:

schermata-2018-01-30-alle-11-09-27-900x698

Come si è potuto vedere l’anno scorso, i test invernali hanno sempre un valore relativo, ma i tempi e le parole dei protagonisti fanno sperare in una stagione molto combattuta, in cui nella lotta per il titolo possano tornare le due Yamaha di Rossi e Viñales, oltre ad un Jorge Lorenzo in continua crescita sulla sua GP18.

Prossimo appuntamento con i test il 16 Febbraio in Thailandia sul nuovo circuito asiatico in cui si correrà in autunno.

 

Sources:

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Daniele Lanza

Nato a Bologna nel 1996. Studente di Produzioni Animali alla facoltà di Agraria di Bologna. Appassionato di motori (MotoGP e SBK) e ducatista fin dalla nascita. Conduttore del programma Red Flag su Radio1909.